Crea sito
READING

Cliteracy: avete mai sognato di cavalcare un clito...

Cliteracy: avete mai sognato di cavalcare un clitoride?

Oggi vi parliamo di una cosa bellissima: l’opera di Sophia Wallace, giovane artista che fa base a New York.

Il progetto che l’ha resa celebre si chiama Cliteracy, ed è un’opera multimediale che esplora un paradosso la cui formulazione è tanto semplice quanto geniale: com’è possibile che i corpi delle donne siano sempre, costantemente, ossessivamente sessualizzati e che allo stesso tempo l’ignoranza sul loro effettivo funzionamento sia così generalizzata e pervasiva? Com’è possibile che, nonostante secoli e secoli di discorso ininterrotto sulla sessualità delle donne, la reale estensione del clitoride sia stata scoperta soltanto nel 1998? Che tuttora gli studi sull’effettivo funzionamento dei corpi delle donne siano ancora agli inizi, e che siano ancora così scarsamente finanziati?

Cliteracy vuole contribuire a uscire da questo paradosso, attraverso la divulgazione del sapere sul clitoride come perno del piacere femminile. Per farlo, si serve di diverse forme espressive: street art, una scultura scientificamente accurata (l’unica attualmente esistente), performance consistenti nel “guardare il mondo attraverso il clitoride“, una tappezzeria, una “scultura invisibile”, un’insegna, e persino un clitrodeo che, come potrete facilmente immaginare, si differenzia da un rodeo tradizionale perché qui le persone cavalcano un clitoride.

Tra tutte queste forme espressive, quella più incisiva è un pannello intitolato Cliteracy: 100 Natural Laws , che, per mezzo delle parole, dichiara a gran voce 100 leggi che dovrebbero essere ovvietà e di cui, tuttora, non si parla quasi mai.

Potete vedere di più sull'opera qui

Potete vedere di più sull’opera qui

Giocando sulla banalità di alcune verità scientifiche acquisite da tempo, Sophia Wallace ci ricorda così che La terra non è piatta e le donne non vengono dalle loro vagine, o che La terra non è al centro dell’universo e il pene non è il suo asse. Denuncia i bias di una scienza da secoli tutta pensata al maschile ricordandoci che L’orgasmo vaginale è una favola inventata da Freud nel 1905. E ci ricorda l’importanza del piacere, anche politicamente: Dov’è la libertà in un sesso che non ci procura orgasmi?

Se tutto questo non fosse bastato a farvi innamorare perdutamente di Sophia Wallace, guardate le sue serie fotografiche. Per esempio On Beauty, che riflette sulla bellezza fotografando uomini in pose canonicamente femminili. Oppure Truer, che rappresenta momenti di una storia d’amore vissuta dall’artista. O anche Bodies That Matter, sulla materialità dei corpi. Sono stupende. Tutte.

Cliteracy100Laws_SophiaWallaceStudio


RELATED POST

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.