Crea sito
READING

Rossetti DIY per sbaciucchiarsi in tutti i colori ...

Rossetti DIY per sbaciucchiarsi in tutti i colori dell’arcobaleno

Una delle grandi gioie della vita è il rossetto. Quel magico tocco di colore sulle labbra può raddrizzare anche la più storta delle giornate, così come i deliziosi segni che lasciate con sui filtri di sigaretta e sulle guance delle persone amate.
Il problema è uno solo: i rossetti stanno raggiungendo costi esorbitanti! Aggirandomi per profumerie varie, ho notato che i rossetti più economici hanno colori tristissimi. Mesta e indispettita, ho cercato su Pinterest un tutorial per fare in casa i rossetti et voilà! Rossetti super economici e super fichi alla modica cifra di circa 20 centesimi l’uno!
Il bello è che potrete finalmente avere il rossetto azzuro, verde e giallo limone che avete sempre desiderato ma che non avete mai trovato nei negozi. Ecco cosa vi servirà:

IMG_20150116_095624

Potete usare un qualsiasi vasetto di vetro, che sia della marmellata o del sugo poco importa. Sappiate solo che dopo l’utilizzo dovrete buttarlo via. Per quanto riguarda i contenitori in plastica, potete usare quelli degli ombretti vuoti. Io ho usato quelli delle perline che risalgono ai miei esperimenti orafi della fanciullezza, ma un’idea carina potrebbe essere quella di usare i portapillole. L’olio d’oliva può essere sostituito con qualsiasi olio vegetale che avete in casa.

NB: Useremo i pastelli a cera per colorare e creare i nostri rossetti. Di norma, sceglieteli di una marca nota che riporti sulla confezione la scritta “non tossico”: i pastelli a cera sono pensati per i bambini che adorano metterseli in bocca, quindi generalmente non dovrebbero dare nessun problema alla pelle delle labbra.

Step 1: Scegliete un pastello o più pastelli che vi piacciono e togliete la carta che li avvolge, poi spezzettateli in tanti piccoli pezzettini. Normalmente, per riempire un contenitore di plastica piccolo, vi servirà poco più di mezzo pastello.

IMG_20150116_095925

Step 2: Riempite il pentolino con un po’ d’acqua e posizionate il vasetto di vetro al suo interno. Accendete il fuoco e tenete la fiamma bassa, in modo da non far bollire l’acqua.

IMG_20150116_100046

Step 3: Aggiungete due cucchiaini di olio. La quantità dipende da quanto prodotto volete ottenere: l’importante è che la quantità di pastello a cera non sovrasti la quantità di olio.

IMG_20150116_100142

Step 4: Aggiungete i pastelli a cera spezzettati, mescolando con il cucchiaino fino ad ottenere un liquido denso ma omogeneo. La fiamma va sempre tenuta bassa. Potete giocare con i colori e mescolarli come più vi piace. Per ottenere un violetto, aggiungete del bianco al classico viola.

IMG_20150116_100238

Step 5: Togliete il pentolino dal fuoco e, facendo attenzione a non bruciarvi, travasate molto rapidamente il composto nel vasetto di plastica. Non ho fatto una foto a questo step per evitare di procurarmi un’ustione di terzo grado, ma suppongo che possiate immaginare con quanta maestria abbia travasato il mio rossetto. Quando il contenitore sarà riempito, fatelo asciugare all’aria aperta o in frigorifero, finché il rossetto non si solidifica.
Una volta solidificato, se non avrete sbagliato la quantità di olio, dovrebbe risultare sufficientemente cremoso da poterlo stendere con il dito o con un pennellino. Ed ecco il risultato finale!

1421413894058

PS: Ricordatevi di mettere un po’ di burrocacao prima di stendere il vostro rossetto.
PPS: Potete mettere anche qualche goccia di olio essenziale per rendere più gradevole il profumo.


Mi piace il rochenroll

RELATED POST

  1. pigropanda

    10 marzo

    … io vi amo più o meno incondizionatamente, ma mi spiace, mettersi in faccia dei pastelli a cera è un’idea PESSIMA.
    I cosmetici e i loro ingredienti sono testati per limitare quanto possibile le reazioni allergiche o danni più o meno a lungo termine. I pastelli a cera non sono cosmetici, non c’è neppure un INCI a dirti cosa c’è dentro: potresti starti spalmando addosso dei prodotti che provocano sensibilizzazione, reazioni cutanee o molto più banalmente ostruiscono i pori.
    Io capisco l’autoproduzione e capisco pure il risparmio, però o utilizzi protocolli e ingredienti sicuri, oppure rischi di farti davvero del male (al limite di danni permanenti).
    Se vuoi rossetti economici dai un’occhiata a KIKO o a Wjcon. Se vuoi invece proseguire sulla strada dell’autoproduzione, tenendo comunque conto che i rossetti autoprodotti difficilmente avranno la resa di quelli in commercio, devi procurarti degli ingredienti adatti all’uso cosmetico.
    Lei lo dice meglio di me (e questo commento è già troppo lungo): https://therougesucre.wordpress.com/2014/02/18/se-dovete-lavorare-cosi-non-fatelo/

  2. Rs

    19 marzo

    Se vuoi provare un colore diverso trova qualche pigmento lipsafe essence/kiko o sottomarche varie, spesso sono in sconto. Fai un burro cacao con questa ricetta 2g cera d’api, 2g burro di cacao, 2g olio di ricino (trovi tutto in farmacia, il burro in pasticceria), aggiungi una punta di coltello di pigmento già pronto (se ti serve più coprenza anche di ossido, ma dovresti procurarteli da fornitori di materie prime cosmetiche e a questo punto potresti anche provare a farti un rossetto vero :D). Viene un burrocacao colorato, che regge anche come rossetto leggero (non esagerare con il colore o cola e ti trasformi in Captain Spaulding). Se esiste ancora c’è “Paparazzi” di essence, con cui viene un rosso bellissimo.
    Oppure più semplicemente trova un gloss trasparente e aggiungi a quello i pigmenti, tanto la durata è infima in entrambi i casi.
    Ma lascia stare i pastelli a cera, non conosci la composizione dei leganti (cera, colla) e la purezza del pigmento. E non usare MAI prodotti ad uso non cosmetico, potrebbero contenere sostanze tossiche.
    Ps. Grazie PIGROPANDA per la menzione ^_^

  3. GIULIA

    15 febbraio

    Vi rendete conto della cosa criminale che avete scritto in questo post? Tantovale farvi un bel budino di pastelli e poi mangiarli a colazione. Sono prodotti tossici e che sicuramente non sono pensati per nessun uso se non quello di colorare dei fogli. Per chi non vuole spendere ci sono buone alternative economiche da Essence o anche nei negozietti Tutto un euro.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.