Crea sito

Soft Revolution presenta: La Luz

Vi abbiamo già presentato gli adorabili Quilt e oggi cambiamo un po’ atmosfera, pur rimandendo in America. Le La Luz, nome che in spagnolo significa “la luce”, fanno un irresistibile surf dall’aria vintage. È difficile trovare immagini così forti in un disco, così come è anche raro vedere quattro fanciulle assieme su un palco. Incuriosite, le abbiamo raggiunte via mail durante il loro tour europeo (che approderà in Italia tra pochissimi giorni), e abbiamo fatto loro qualche veloce domanda.

Come prima cosa vorremmo sapere i vostri nomi e quello che fate all’interno del gruppo. E anche se vi dividete i compiti, come scrivere i testi o comporre le musiche; oppure se fate tutto insieme.
Eccoci qui: Shana, alla chitarra, è anche colei che ha portato le prime canzoni all’interno del gruppo. Alice alle testiere, Marian suona la batteria e Lena suona il basso. Tutte cantiamo e scriviamo le nostre parti.

È bello vedere un gruppo di sole ragazze, ma come è successo? L’avevate deciso in qualche modo? E poi volevamo sapere, dal momento che nella vostra musica si sente tanto surf ma anche l’influenza di quelle girl band degli anni ’60, quanto è stato importante per voi avere modelli di riferimento femminili?
Diciamo che siamo solo state molto fortunate ad essere nate tutte ragazze e che ci piace davvero molto suonare insieme. Naturalmente è sempre di grande ispirazione vedere delle donne che dominano il palco, ma i nostri modelli appartengono a qualunque genere. Comunque, per citarne alcuni dei nostri preferiti: Tina Turner, Bo Diddley, Link Wray, Erykah Badu e the Shangri-Las.

Una volta mi sono trovata nel camerino con un gruppo prima di un concerto e ho notato che tutti se ne stavano per i fatti loro, facendo cose tipo leggere un libro e cose così. L’ho trovato curioso, quindi mi sono informata e mi hanno spiegato che erano in tour da tanto tempo e quindi era per loro importante creare degli spazi intimi, anche se erano tutti nella stessa stanza. E voi, come vivete l’essere in tour? È importante avere i vostri spazi o vivete l’esperienza tutte insieme?
Decisamente, quando si passa tanto tempo insieme è importante essere capaci di concedere un po’ di spazio a se stessi. Comunque, quando siamo in tour ci piace molto passare il tempo insieme, andare in giro a mangiare o esplorare nuove città. Poi quando è necessario ognuna si ritaglia un po’ di tempo per fare qualcosa come leggere, scrivere o semplicemente fare una pausa.

Avete registrato il vostro primo EP in un giorno solo, in un camper. Ascoltando il vostro album la prima cosa che si nota è che le immagini a cui richiama sono molto forti: mare, surf, echi vintage. Come avete creato un’immagine così forte? Avete usato un metodo simile rispetto a quello usato quando avete registrato l’EP?
Cerchiamo di essere sempre molto spontanee, sia quando registriamo che quando suoniamo dal vivo, e speriamo che questo si noti. Molte delle nostre canzoni hanno dei testi abbastanza cupi, ma cerchiamo di mantenerle divertenti. E poi un sacco di musica oggi soffre di una produzione eccessiva, una cosa che noi cerchiamo intenzionalmente d’evitare. La vita è troppo breve: preferiamo divertirci e viaggiare, piuttosto che impiegare un anno a registrare un album!

laluz

Date italiane:
14.04.2014 Savona
15.04.2014 Milano

Per vincere un biglietto per una delle due date vai qui. E a questo link trovi tutti i concerti presentati da Soft Revolution.


RELATED POST

  1. Chiara

    11 aprile

    Sono davvero carine..finalmente scopro una band al femminile degna di questo nome!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.