Crea sito
READING

“Comédie sentimentale pornographique” ...

“Comédie sentimentale pornographique” di Jimmy Beaulieu

78779089_o

Apro la prima pagina del volume a fumetti di Jimmy Beaulieu e la sensazione è quella di essere stata catapultata nella vita di qualcun altro, di aver ricevuto il dono dell’invisibilità e poter così osservare da vicino una delle protagoniste di questo racconto che agilmente salta una pozzanghera, ritira la posta, sale le scale ed entra in casa. Cambia il set – perché il tratto è assolutamente cinematografico, quasi uno storyboard estremamente dettagliato – e i personaggi iniziano ad intrecciare i loro quotidiani in modo sempre più serrato. Presente e passato si mescolano attraverso flash back e momenti di onirica fuga verso il surreale, così come si alternano i colori caldi della passione sentimentale e quelli freddi del ricordo e della riflessione personale.

Protagonista principale è la coppia composta da Louis e Corinne: due trentenni che si sono incontrati, in modo assai ordinario, in coda al cinema. Lei alla ricerca di una sua dimensione attraverso la sperimentazione dell’amore libero, lui in piena crisi esistenziale, stanco della folla, acquista un hotel nel quale si ritira per disegnare e riflettere.

IMG_20140822_135640

Tutt’intorno si muovono altre coppie: alcune consolidate, come quella degli amici Muriel e Léonce, alcune soltanto abbozzate, altre che non vedranno mai uno sbocco di vera realizzazione. E i racconti personali, di ricerca identitaria o di mero appagamento puntuale, vengono tratteggiati con delicatezza e sfumati passaggi, in un paesaggio composito in cui tout se tient.

In questo senso non stonano nemmeno le insistite (e chiosate) citazioni: musicali (dai Depeche Mode a Sylvia Dee con un rimando critico costante ai Pink Floyd, che intervalla i capitoli del racconto), letterarie (con la pregevole inserzione di Simone De Beauvoir quale nume tutelare di ogni grande quête di giovane donna), teatrali e cinematografiche, fra le quali spicca la potente presenza di Kubrick. Impossibile infatti non richiamare alla mente, durante la lettura, le grandi sale deserte dell’Overlook hotel di Shining o le atmosfere scabrose e feticiste di Eyes Wide Shut.

Si tratta però soltanto di uno dei molti rimandi possibili in questo volume che si costruisce su una trama essenziale e scarna e vive di atmosfera ed intensità emotiva. Nessuna scena è eccessiva, nessun passaggio sconfina nel lezioso o nel morboso. L’analisi introspettiva, che molto deve all’esistenzialismo francese, si coniuga con un incalzante incedere filmico. Con un tratto leggero Beaulieu racconta una storia che, nella sua ultima essenza, riguarda noi tutti: il rapporto con gli altri come ricerca di noi stessi. La relazione come affermazione di sé attraverso lo specchio dell’altro. L’amore, la passione, il contatto fisico come processo di “formazione” e riconoscimento di sé e dei propri simili. 

IMG_20140822_141750

J. Beaulieu, Comédie sentimentale pornographique, Delcourt Shampooing, 2011.

Dello stesso autore, è stato pubblicato in italiano Col favore della notte, Coconino Press, 2012.


RELATED POST

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.