Crea sito
READING

Le ragazze di SR consigliano: un sacco di bei libr...

Le ragazze di SR consigliano: un sacco di bei libri

zeno pornoZeno Porno di Paolo Bacilieri
Altamente consigliato al nostro pubblico amante delle fanzinesss.
Edito da Kappa Edizioni, è un volume a fumetti di grande formato che raccoglie le storie dedicate a Zeno Porno (ex agente della C.I.A., sceneggiatore Disney e perditempo dalla sfortunata vita amorosa) che Bacilieri aveva pubblicato su rivista nei tardi anni Novanta. Si tratta di storie surreali, ambientate in un terrificante Weneto (parodia del Veneto che Bacilieri conosce bene, in quando veronese), disegnate con uno stile devoto al fumetto italiano di Jacovittica memoria e allo splatter voyeuristico più vicino a Crumb, per una narrazione a fumetti assolutamente anticonvenzionale. Vedere per credere.
Se vi piace leggete anche La magnifica desolazione, sorta di sequel avente come protagonista sempre lo spensierato Zeno alle prese con la figlioletta e il training per un viaggio sulla Luna. (Valeria Righele)

avallone_acciaio_copertinaAcciaio di Silvia Avallone
Sorpresa numero uno del 2013: il romanzo che due anni fa era sulla bocca di tutti, che ha sfiorato lo Strega e vinto il Campiello, tutti motivi validissimi per ignorarlo fino ad oggi. Ma, a quanto pare, non sempre lo Strega sbaglia, o magari nel calderone di libri non letti e candidati ci può finire anche un bel romanzo. Questa volta è successo: Acciaio racconta di quella strana condizione che si respirava tra la fine degli anni ’90 e i primi anni 2000, che se avete vissuto, magari da preadolescenti come me e come i protagonisti del libro, non potete aver dimenticato. (Silvia Pilloni)

 

 

 

keret12

All’improvviso bussano alla porta di Etgar Keret
Questo libro ha del portentoso. Ha in sè un germe di follia e allo stesso tempo vi conferirà una saggezza di cui prima non eravate in alcun modo consapevoli.

Nasconde un tesoro che vi riporterà direttamente all’origine dei vostri desideri d’infanzia. I racconti di Etgar Keret, scrittore israeliano che ho scoperto con questo libro, sono al tempo stesso disillusi e naif, fanno sfoggio di una fantasia rombante che trascina il lettore in situazioni surreali e fanno irrimediabilmente sorridere, anche quando terminano con una nota nostalgica. C’è una profonda conoscenza dello spettro delle emozioni umane e una vivacità che ti fanno terminare il libro nel più breve tempo possibile e ti lasciano con la voglia di leggerne ancora. (Veronica Tosetti)

 

storiadellabruttezzaStoria della bruttezza di Umberto Eco
Mi chiamava, mi chiamava dallo scaffale in libreria e l’ho fatto mio.
Difficile descrivere il bello e il brutto, la definizione risulta caleidoscopica.
Figurarsi farlo analizzando la bruttezza nel corso dei secoli, prendendo in esame culture e modelli differenti.
Non lo definirei un tomo da spiaggia, ma si sa, come dice Eco “oggi l’orrore fa salire le vendite alle stelle”.
Se non vi ho convinto, prima di acquistarlo potete sfogliare la versione digitale completa su Issu. (Roberta Errani)

 

 

 

manuele-fior-cinquemila-chilometri-al-secondo-L-0OUdRK-227x171Cinquemila Chilometri Al Secondo di Manuele Fior
Graphic novel che inizia d’estate con un caldo clamoroso e vi spezzerà il cuoricino prima che arriviate a meta’. Disegni acquarellati pazzeschi, da fissare per ore. Questo è un libro che non vi pentirete mai di aver comprato. (Marta Corato)

 

 

blood-and-guts-in-high-school-plus-two-by-kathy-acker1Blood and Guts in High School di Kathy Acker
Kathy Acker mi si è rivelata mentre cercavo letteratura densa di personaggi femminili scomodi e possibilmente detestabili. Blood and Guts in High School, il suo libro più famoso, è senza dubbio una delle opere più destabilizzanti nelle quali mi sia mai imbattuta. Oltre ad essersi attirato le ire dei benpensanti a causa del linguaggio “poco fine” e dei contenuti forti (incesto e molto sesso disimpegnato, per citarne giusto un paio), questo metaromanzo cervellotico e viscerale che strizza l’occhio al Céline di Viaggio al termine della notte e a tutti gli esauriti e i nevrotici del Grande Firmamento Letterario, ha un altro grandissimo pregio: è davvero originale. Provare per credere. (Margherita Ferrari)

 

 

l_ombra_del_ventoL’ombra del vento di Carlos Ruiz Zafón
Barcellona, fine anni quaranta. Il giovane Daniel si sveglia una mattina in preda ad un incubo, non riuscendo più a ricordare il volto di sua madre, morta anni prima. È così che suo padre, libraio, lo porta al Cimitero dei Libri Dimenticati: secondo tradizione, chiunque vi sia iniziato deve adottare un libro, giurando di prendersene cura per tutta la vita. Daniel sceglie L’Ombra Del Vento di Julian Carax, che legge in pochi giorni, rimanendone affascinato: decide quindi di mettersi a cercare gli altri libri dell’autore, cimeli resi introvabili da uno strano personaggio che si dedica a cercarli e bruciarli. Daniel si ritroverà coinvolto in una ricerca in cui le vicende ed i personaggi che popolano il romanzo emergono dalle pagine per mescolarsi alla realtà, rivelando segreti fino ad allora taciuti. Sullo sfondo, testimone silenziosa delle scoperte e degli incontri di Daniel, la città di Barcellona, che sembra prendere vita come se fosse un personaggio del romanzo. Consiglio questo libro a chi vuole andare a Barcellona, a chi c’è già stato e la ama, e a chi dovrà affrontare lunghi viaggi o attese: mi e capitato di rimanere bloccata in aeroporto per una giornata intera, e questo libro è stato un ottimo rimedio alla noia. (Chiara Puntil)

vecchiechecadonoVecchie che cadono di Daniil Charms, illustrazioni di Joanna Neborsky
Fa parte di quel bellissimo progetto editoriale di Corraini che è Collana 22.
Volumi senza copertina cartonata, rilegati con punto metallico e che hanno in comune il formato 22×22 cm da cui prende il nome la collana.
Soluzioni semplici e a prezzo contenuto che rendono ogni libro alla portata di tutti.
Il volume è catalogato come “libro per bambini”, che tradotto in parole Munariane risulta più o meno così:
“Storie raccontate più con le immagini e i colori che con le parole. Storie così semplici che le possono capire anche i grandi”.
Amore infinito per la prosa di Daniil Charms che si sposa a pennello con le illustrazioni stralunate di Joanna Neborsky. (Roberta Errani)

9780316204279_1681x2544Where’d you go, Bernadette? di Maria Semple
Leggero, non troppo lungo e altamente delirante. Where’d you go, Bernadette? è il bizzarro resoconto della guerra di quartiere tra Bernadette Fox e la sua vicina, della disperazione di suo marito che la vede uscire di testa, e di come loro figlia Bee è molto, molto perplessa dall’accaduto ma determinata ad andare in vacanza in Antartide nonostante la sua famiglia stia cadendo a pezzi. Il libro è composto da email che i personaggi mandano l’un l’altro in un climax di bizzarrie. è il genere di libro che si inizia e non si posa finché non lo si è finito. Adatto a qualsiasi stagione, ma perfetto per l’estate perché non è pesante ma neanche cretino. (Marta Corato)

 

 

 

onedayOne day di David Nicholls
Non ci voglio vedere nessuna morale e non voglio dare alcuna lettura o interpretazione: One day è semplicemente una buona storia e, diceva un tale, una buona storia è ciò che ti salva anche nelle peggiori situazioni, fra le quali può tranquillamente rientrare il ritrovarsi soli in una torrida città d’estate o annoiati su una sdraio dopo i primi giorni di entusiasmo marino. Un romanzo ben strutturato, capace di farti appassionare alle vicende esistenziali dei protagonisti Em e Dex (o Dex e Em, leitmotiv di tutto il libro). Un affresco a tratti impietoso a tratti ironicamente caricaturale della nostra società e dei rapporti umani che in essa si dipanano. Il racconto si apre con due giovani a letto, la sera dopo la laurea: un mondo di opportunità davanti, l’opportunità di un legame, scelte e strade che si dividono per poi riaggrovigliarsi in una trama complessa. Uno di quei racconti che fanno compagnia, come i vecchi amici, di quelli che “fa piacere rientrare a casa dopo una lunga serata di divertimento con l’idea di leggere qualche pagina”. (Caterina Bonetti)

NgsmamSmoke and Mirrors di Neil Gaiman
In un modo o nell’altro, immagino tutti sappiate chi è Neil Gaiman, scrittore inglese di pregio indescrivibile. Se non ne avete mai sentito parlare, la sua raccolta di racconti Smoke and Mirrors è un ottimo punto da cui cominciare. Mai tradotta in italiano, vale certamente la pena di procurarsela in inglese, perché più che un libro, la raccolta è uno scrigno di tesori. In questi racconti Gaiman espone momenti di vita adulta: attrazioni che spesso portano all’ossessione, inutilità di relazioni stabili che prima o poi si spengono, il vuoto di vite senza una meta. Il tutto in un mondo popolato da creature fantastiche e spiriti, la cui apparizione serve solo a rendere più evidenti quei sentimenti che durante la vita di tutti i giorni cerchiamo di dimenticare. Bellissima la riscrittura della fiaba di Biancaneve dal punto di vista della matrigna. Non mancano storie leggere come quella della vecchina che trova il sacro Graal in un negozio dell’usato. (Francesca Romano)

tumblr_moyys0ruqp1qe5u1do1_500Teaching My Mother How To Give Birth di Warsan Shire
Ho scoperto le poesie di Warsan Shire su Tumblr. Ne sono bastate poche perché mi venisse la curiosità di cercare qualche informazione sull’autrice. Ho così scoperto che Warsan è una giovane donna (classe 1988) di origine somala che da diversi anni vive a Londra, e che da lì scrive di amore, guerra e corpi sui quali si consensano violenze, nostalgie e terre lontane. Questo libricino davvero splendido è la sua prima raccolta pubblicata di poesie. Fatevi un favore e leggetelo. (Margherita Ferrari)

 

popcoenPop-co di Scarlett Thomas
Io questo libro l’ho scelto unicamente perché aveva una bella copertina. È una motivazione molto, molto superficiale, ma quel giorno in biblioteca non trovavo nulla di interessante e questo aveva una bella copertina (grazie Sperling per aver mantenuto la versione originale). Alla bella copertina segue una bella quarta di copertina che si porta appresso (fortunatamente) un libro molto avvincente e molto ben scritto, intricato al punto giusto, senza essere ampolloso. Un giallo-non giallo intriso di indovinelli, matematica ed etica. (Marta Magni)

 

 

PSJ1254168298PS4ac116ea6496bIl barone rampante di Italo Calvino
Cosimo, primogenito del barone Piovasco di Rondò, si rifiuta di mangiare le lumache preparate da sua sorella Battistina, lumache che egli aveva precedentemente tentato di liberare. In collera verso I genitori, si arrampica su un albero in segno di protesta. Quel che inizialmente sembra solo un capriccio o un atto di ribellione passeggero si rivelerà invece una scelta di vita: Cosimo imparerà dunque ad adattarsi alla vita sugli alberi, osservando il susseguirsi di stagioni, anni e vicissitudini storiche ed incontrando banditi, soldati, esuli e gesuiti. Si può interpretare il personaggio di Cosimo come un outsider ante litteram, che in quanto tale rifiuta di adattarsi ai doveri sociali, come fa invece suo fratello minore Biagio, narratore della vicenda che partecipa alla ribellione del fratello maggiore alleandosi con lui ed aiutandolo a reperire ciò di cui ha bisogno, senza però mai avere il coraggio di andare contro le convenzioni e le aspettative impostegli dalla famiglia e dalla società. (Chiara Puntil)

250px-Marvels_(Alex_Ross)Marvels di Kurt Busiek e Alex Ross
In tema di inaspettati di punti di vista, ho appena finito di leggere una graphic novel che ripercorre, ancora una volta, le origini dei supereroi della Marvel. Questa volta però la prospettiva è sui newyorchesi, assaliti da un numero sempre crescente di superuomini che no sanno se amare o temere. Phil Sheldon, il protagonista e voce narrante, è un reporter la cui carriera intreccia le prime gesta dei classici supereroi. Phil dà voce ad una città continuamente sotto attacco di forze che non può capire, innescando un discorso sul valore dell’uomo comune e sulla difficoltà di accettare i propri limiti. Un ottimo modo per rispondere agli innumerevoli film sui supereroi in cui, tra un’esplosione e l’altra, c’è sempre poco tempo per fermarsi a pensare. (Francesca Romano)

 

styleblueprint_sedaris_2013_05_29Let’s Explore Diabetes With Owls di David Sedaris
L’ultimo libro di David Sedaris, in puro stile David Sedaris, a partire dal booktrailer.
C’è da aggiungere altro? (Marta Magni)


RELATED POST

  1. eRICA

    5 agosto

    Mi segno tutto per il ritorno dall’estate, ché per ora sono “coperta”, ma grazie per i consigli (di questi già letto solo One Day e pianto come solo una donnetta sa fare)

    http://teacoffeebooks.tumblr.com/image/56283703540

  2. Nicolò

    5 agosto

    David Sedaris è un mito e non si discute. Una delle rare persone di cui posso definirmi idolatra, ma ovviamente lui non ne sarebbe d’accordo. 🙂 E non c’è proprio nulla da aggiungere!

    Dopodiché, quoto Etgar Keret; per rimanere in tema, in alcuni punti mi ha strappato risate che farebbero concorrenza proprio a quelle di Sedaris!

  3. […] Revolution – Le ragazze di SR consigliano: un sacco di bei libri – Le ragazze di SR consigliano: un sacco di belle serie tv – Hello Flo, The Camp Gyno e […]

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.