Crea sito

Lenore: una piccola dolce cosa morta

Lenore è una deliziosa bambina. Le piace giocare con i suoi pupazzi, le piacciono gli animali e le piace fare da babysitter al figlio dei vicini. Lenore ha sempre un fermaglio fra i capelli. Lenore ha anche un insistente spasimante, Mr. Gosh, che stravede per lei. Lenore vive felice insieme a tutti i suoi amici in una grande casa, dove però non ci sono genitori né altri abitanti.
Perché Lenore è morta. E non è solo lei a essere passata a “miglior” vita, bensì anche tutti i suoi pupazzi, che a guardarli più da vicino sono pieni di toppe e decisamente inquietanti. I suoi animali e perfino Mr. Gosh sono tutti chiaramente, irrimediabilmente morti.
Tuttavia, a Lenore, personaggio dell’omonimo fumetto, creato nel 1997 dall’illusionista e artista Roman Dirge, non sembra importare più di tanto di rientrare nella categoria di “mostro”. Anzi, Lenore pare proprio non accorgersene, come non sembra importare neanche ai suoi compagni di pezza o agli occasionali esseri umani che compaiono nelle strisce. In più, la dolce bambina morta non ha (apparentemente) nulla di diabolico, anche se le persone intorno a lei finiscono sempre per fare, in una maniera o nell’altra (e spesso per inconsapevole mano della piccola) una brutta fine.
Un esempio molto costruttivo dell’inconsapevole tendenza omicida di Lenore è Mr. Gosh. Come già accennato, Mr. Gosh è innamorato (pazzo) della piccola e, nonostante lei lo abbia già ucciso almeno una dozzina di volte, continua insistentemente a tornare, professarle il suo amore e il suo perdono per il suo involontario gesto violento e essere ucciso di nuovo.
“Lenore” è definitivamente uno dei fumetti più macabri e allo stesso tempo più divertenti che abbia mai letto. L’innocenza di Lenore in certi punti dà la pelle d’oca, ma non può non strappare un sorriso con il suo visino “sorridente” e il suo semi-distrutto coniglietto sotto il braccio. Dà una sensazione di tenerezza che non ci si aspetterebbe alla vista di quello che è catalogato come un fumetto gotico a tutti gli effetti. Forse in questo sta la grandezza di Lenore: ispirare amore nella sua atmosfera di morte.


RELATED POST

  1. Caterina Bonetti

    29 ottobre

    Mi hai fatto venire davvero voglia di leggerlo!

  2. bonnie

    1 novembre

    Bene!:-) vedrai, non ne resterà delusa, è davvero piacevole!

  3. […] cosa che ho comprato su Amazon è stata il primo volume delle avventure di Nemi (e anche quello di Lenore, ma quella è un’altra storia). Nemi (in Italia edita da Elliot Ed.) è una striscia della […]

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.