Crea sito

Porno di Irvine Welsh

Quale miglior titolo per i consigli di lettura del mese dedicato al porno? Un romanzo consistente e di massicce dimensioni interamente dedicato al variegato mondo dell’hard. Strutturato come un sequel del più noto Trainspotting (anch’esso più noto per la pellicola che per la versione cartacea), si dipana attraverso la narrazione corale di alcuni protagonisti già noti ai fan di Welsh: Sick Boy, Renton, Nikki, Begbie e Spud. Ogni protagonista descrive le vicende attraverso un suo personale stile e questo rende l’opera interessante anche dal punto di vista letterario, ma…a noi ora come ora non interessa ai fini del discorso. Come tipico dell’autore le vicende gravitano attorno ad un mondo malato fatto di bevute, droga e sesso malvissuto tuttavia descritto con minuzia di dettagli. Il romanzo inizia con i tentativi dei giovani (ormai piuttosto provati dalla loro vita sregolata)  di dare una svolta alle loro deprimenti vite: incontriamo un Sick Boy lontano dalla scena londinese ed intento ad aprire un pub, mentre Renton gestisce un night club ad Amesterdam. L’incontro di Nikki con Terry Lawson e la sua operazione di porno home made fa il resto. Le pagine si susseguono inseguendo i protagonisti attraverso calde nottate, momenti di sofferta devastazione e bassezze morali. Welsh non ci risparmia niente, lasciando ben poco all’immaginazione. Ricordo che al tempo avevo seriamente rischiato di non finire il ripasso pre maturità per terminare invece di leggere questo romanzo che, se ti coinvolge, impone una lettura tutta d’un fiato, scriteriata come le vicende che narra. Forse eccessivo, forse adatto ad un pubblico adolescente e alla ricerca di argomenti scabrosi pronti all’uso, ma resta un buon lavoro. Welsh non si distingue per innovazione: le sue opere gravitano sempre intorno alle stesse questioni, la sua prosa condita di oscenità e insulti pure. Resta il fatto che offre uno spaccato di realtà “al sangue” come pochi altri.

 Le sue descrizioni pornografiche superano di gran lunga le già stimolanti sadiche ed impudiche descrizioni di un Bret Easton Ellis (a proposito del quale vi consiglio Meno di Zero, decisamente poco noto rispetto ad American Psycho), ma allo stesso tempo non può competere con il raffinato erotismo presente in Philip Roth (da me amatissimo nel Lamento di Portnoy).
Insomma, avete capito che se non la pianto adesso potremmo finire ad avere una bibliografia erotica di letteratura angloamericana (e solo perché non mi voglio addentrare nel piccantissimo ed esoticissimo mondo nipponico o nell’avvolgente e sensuale universo francese). Anzi, facciamo finta che non vi abbia detto niente. Nello sterminato mondo porno cartaceo le letture migliori sono quelle che si scoprono da sè, nel chiuso della propria stanzetta.
Buone nottate.


RELATED POST

  1. […] su qualcosa di più esplicito. E cosa c’è di più esplicito dei romanzi di Irvine Welsh? Di Porno, di cui vi ho già parlato, di Tolleranza Zero o Trainspotting, con le loro masturbazioni, le loro scopate, il loro […]

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.