Crea sito

di ELENA DELLA ROCCA

Tag: "letteratura"
“La religione della sorellanza”: un excursus letterario

“La religione della sorellanza”: un excursus letterario

Aiutarsi l’una con l’altra, fa parte della religione della sorellanza. Louisa May Alcott Ancora oggi mi stupisco di quale immensa influenza abbia avuto l’essere sottoposta durante l’infanzia negli anni ’90 a una lunga serie di film, cartoni animati, fumetti e libri, che hanno come argomento principale una qualsiasi forma di sorellanza, reale, costruita, naturale o...
Madame de Staël: la creazione di una coscienza

Madame de Staël: la creazione di una coscienza

La prima volta che sento nominare Madame de Staël sono in quinta ginnasio. Ne parla la professoressa di italiano, allarmata e scuotendo la testa: nessuno di noi la conosce, nemmeno per sentito dire. A quel punto ci vengono fornite un po’ di informazioni sul suo conto: figura carismatica – di un carisma supportato da profonda conoscenza e interesse...
Vanessa Bell e Virginia Woolf, le sorelle Stephen

Vanessa Bell e Virginia Woolf, le sorelle Stephen

Uno non può nemmeno iniziare a dire “Chi sono le famose sorelle ingle-” che subito si sente rispondere “Brontë!”. Ed è vero, certo, ma perché il cognome Stephen non è mai un’opzione? Chi sono, queste britanniche sorelle Stephen? Forse se le chiamiamo con i nomi con cui sono diventate note possiamo aiutarci un po’: Vanessa Bell...
Portare la filosofia alle donne: Giuseppa Eleonora Barbapiccola

Portare la filosofia alle donne: Giuseppa Eleonora Barbapiccola

Poiché quantunque a prima vista ei sembra che le occupazioni donnesche altro non esser debbano che imparare il Catechismo, la cucitura, e diversi piccoli lavori, cantare, ballare, acconciarsi alla moda far bene la riverenza e parlar civilmente. Giuseppa Eleonora Barbapiccola, La traduttrice a’ lettori, p. 1 La seconda metà del XVII secolo in Europa è...
Madame Bovary: i pericoli dell'idealizzazione romantica

Madame Bovary: i pericoli dell’idealizzazione romantica

Ma l’ansietà di una nuova situazione, o forse l’irritazione cagionata dalla presenza di quell’uomo erano bastate a farle credere che finalmente fosse sua quella meravigliosa passione che fin allora si era mantenuta come un grande uccello dal piumaggio rosato librantesi nello splendore dei cieli e della poesia; e non poteva ora credere che la calma...
Riscrivere il "Reader, I married him" di Jane Eyre

Riscrivere il “Reader, I married him” di Jane Eyre

L’adolescenza è quel periodo della vita in cui, tra le altre cose, si leggono tantissimi classici. Forse non tutt* ne leggono in gran numero, ma è in quegli anni che le persone che amano leggere li scoprono e ne leggono uno dietro all’altro, anche per via dei programmi scolastici. Con i classici si può avere...
Scomparire, fare luce: "I vent'anni di Luz" di Elsa Osorio

Scomparire, fare luce: “I vent’anni di Luz” di Elsa Osorio

Questa storia comincia nel 1998. Un viaggio a Madrid e una telefonata che non può aspettare. Un appuntamento al Café Comercial un’ora dopo, due sconosciuti e vent’anni da raccontare. “Sarò io a parlare”, dice Luz. Questa storia comincia anche nel novembre 1976. Un appartamento signorile a Buenos Aires, una stanza preparata con cura per un...
Premi letterari per donne: perché sono ancora importanti

Premi letterari per donne: perché sono ancora importanti

Il Baileys Prize (prima noto come Orange Prize) è un riconoscimento britannico che ogni anno viene assegnato a un’autrice di qualsiasi nazionalità per il miglior romanzo originale scritto in inglese e pubblicato nel Regno Unito durante l’anno precedente. Il fatto che la competizione restringa i possibili candidati ad autrici di solito genera un certo tipo...
Sentirsi analfabeta: la storia della scrittrice Ágota Kristóf

Sentirsi analfabeta: la storia della scrittrice Ágota Kristóf

Leggo. È come una malattia. Leggo tutto ciò che mi capita sottomano, sotto gli occhi: giornali, libri di testo, manifesti, pezzi di carta trovati per strada, ricette di cucina, libri per bambini. Tutto ciò che è a caratteri di stampa. Il rapporto privilegiato che Ágota Kristóf vive con la lingua viene da lei stessa spiegato...
Perché gli italiani non leggono le scrittrici?

Perché gli italiani non leggono le scrittrici?

Qualche giorno fa, La Lettura del Corriere della Sera ha pubblicato la propria top 10 dei migliori libri del 2015 (stilata tramite votazione di un comitato): nessuno dei libri inclusi è stato scritto da una donna e questo ha scatenato una serie di reazioni da parte del pubblico, tra le quali l’hashtag #LeMieScrittrici2015. I miei...
La figura femminile nei manga: Sailor Moon e lo shōjo moderno

La figura femminile nei manga: Sailor Moon e lo shōjo moderno

Questo post fa parte di una serie. Per leggere le altre parti clicca qui.     di Ludovica De Santis Il secondo grande cambiamento nella storia dello shōjo e del ruolo femminile nel fumetto nipponico avviene all’inizio degli anni novanta con la creazione di una nuova tipologia d’eroina in un contesto decisamente diverso. Il romanticismo...
La figura femminile nei manga: gli anni '70 di Lady Oscar

La figura femminile nei manga: gli anni ’70 di Lady Oscar

Questo post fa parte di una serie. Per leggere le altre parti clicca qui.     di Ludovica De Santis La figura femminile è da sempre di estrema rilevanza nella storia del fumetto giapponese. Molte persone in Italia sono cresciute guardando i primi shōjo anime giapponesi trasmessi in Italia, in cui la ragazza o donna,...