Crea sito

Rita Petruccioli

rita_miti_soft_revolution_sito

Tag: "film"
Marguerite Duras, a cento anni dalla sua nascita

Marguerite Duras, a cento anni dalla sua nascita

L’unica biografia che ho letto in vita mia è quella di Syd Barrett, perché il mio ragazzo dell’epoca, nella fase di corteggiamento liceale, me la prestò perché io ne apprezzassi con lui le gesta. Non ho mai più letto biografie, perché mi annoiano. Eppure faccio un’eccezione per quei cinque o sei personaggi che abitano il
L'Albero di Antonia - una recensione a fumetti

L’Albero di Antonia – una recensione a fumetti

“…e nell’attimo in cui tutto finisce, niente finisce…” Questo nell’ultima sequenza dell’Albero di Antonia con Sarah, voce narrante, che non vuole perdersi il momento, quel momento in cui “l’anima se ne andrà con un ultimo soffio dal corpo potente di Antonia” la sua bisnonna. “La calda vitalità, l’allegro pragmatismo, l’assenza di lagna e di patetico
Amicizia femminile nei film: un mini best of

Amicizia femminile nei film: un mini best of

Che i meccanismi alchemici dell’amicizia femminile siano più interessanti di quelli che scattano tra uomini è una nozione che fino ad oggi nessuno si è preoccupato di sdoganare. Questo significa che il quantitativo di film a tematica “amicizia femminile” è enorme. Io vi ripropongo un micro-repertorio di film, alcuni recenti e poco conosciuti e altri
"...e adesso, pedalo": Wadjda, una di noi

“…e adesso, pedalo”: Wadjda, una di noi

Wadjda (La Bicicletta Verde, 2012) è il primo film ad essere interamente girato in Arabia Saudita, ed è il primo lungometraggio della regista saudita Haifaa al Mansour. La protagonista è Wadjda, ragazza preadolescente che identifichiamo subito come uno spirito affine, “una di noi”. Lo si intuisce dall’orlo dei jeans che sbucano da sotto l’abaya grigia
Non aprite quel freezer!: ode agli pseudo-horror demenziali di serie omega

Non aprite quel freezer!: ode agli pseudo-horror demenziali di serie omega

Come nella più stereotipata delle tradizioni, l’abbiamo aspettata tanto, e adesso non vediamo l’ora che sparisca dalle nostre vite. Come non avremmo mai voluto ammettere, dopo aver millantato per anni spirito massimalista e trasporto per gli eccessi, le uniche cose che desideriamo sono un clima temperato e un venticello mediocre. Tutto questo per dire che
"Confessions" di Tetsuya Nakashima (Giappone, 2010)

“Confessions” di Tetsuya Nakashima (Giappone, 2010)

E’ difficile inquadrare un film come Confessions. Le tematiche possono essere tante. La vendetta. Il sistema educativo. Quello ri-educativo (ovvero il complesso e delicato ambito giuridico minorile). Il malessere esistenziale. L’assenza di valori e riferimenti (l’unico genitore che appare nella storia riesce a risultare più inquietante degli stessi quindicenni). Ma a conti fatti Confessions –
Uomo Cacciatore? Not really. "La Decima Vittima" di Elio Petri

Uomo Cacciatore? Not really. “La Decima Vittima” di Elio Petri

In un futuro non meglio precisato, le guerre sono state abolite. A sostituirle c’è invece la Grande Caccia, un’attività a cui chiunque può prender parte, a patto di sottostare alle regole. La Grande Caccia prevede che gli iscritti partecipino a dieci cacce, di cui cinque da cacciatori e cinque da vittime, uccidendo a seconda dei
"L'Indiscreto Fascino del Peccato" di Pedro Almodóvar

“L’Indiscreto Fascino del Peccato” di Pedro Almodóvar

Dopo la morte del suo compagno per overdose, Yolanda, una cantante, si rifugia nel convento delle “Redentrici Umiliate” per sfuggire alle indagini. Le suore che vi risiedono sono dedite alle più disparate attività: Suor Pantegana scrive romanzi strappalacrime, Suor Serpe disegna e cuce abiti sgargianti e ispirati alla Haute Couture per le statue dei santi
Film suoreschi

Film suoreschi

Di film in cui compaiono suore ce ne sono a bizzeffe, ma solo alcuni meritano la vostra incondizionata attenzione. Per aiutarvi a navigare questo curioso antro della cinematografia, abbiamo chiesto l’aiuto di Elisa Cuter e Alessio Rosa, che di queste cose se ne intendono. Anna – di Alberto Lattuada (ITA/FRA 1951) Silvana Mangano, la celebre
"Thérèse" di Alain Cavalier

“Thérèse” di Alain Cavalier

Grazie al corso che sto seguendo, mi capita di poter guardare film che altrimenti non avrei mai visto, o perché “non mi ispiravano” o perché, semplicemente, ne ignoravo bellamente l’esistenza. Thérèse, un film di Alain Cavalier, girato nel 1987, è uno di questi ultimi. Incentrato sulla figura di Santa Teresa di Lisieux, suora carmelitana morta
Hellboy: quando è un diavolo è un outcaster

Hellboy: quando è un diavolo è un outcaster

Red perché stai con me? Hai bisogno di piacere a tutti? Proprio a tutti? O io ti basto? Pensaci. Come si conquista un posto nel mondo? Cosa ci rende esseri umani? È necessario essere come gli altri per essere accettati e amati? Sono alcune delle domande che ci si pone vedendo Hellboy, lungometraggio diretto da

Freaks (T. Browning, 1932)

Freaks è uno dei film più inquietanti della storia del cinema, una pellicola che, nonostante la tecnologia di cui disponiamo ci convinca di essere onnipotenti, sarebbe impossibile girare oggi. Questo lungometraggio in bianco e nero diretto da Tod Browning risale infatti al 1932 – la preistoria! – ma la sua particolarità l’ha fatto diventare un