Crea sito

Vittoria “Vitt” Moretta

S_2s


Newsletter
periodpiece

Menstrual art: l’arte di sanguinare

Il termine menstrala è stato coniato da Vanessa Tiegs per definire la sua collezione di 88 dipinti realizzati utilizzando il sangue
lenzuolo

“L’esposizione del lenzuolo” di Maria Angela Capossela

di Isabella Barbon Pasolini : Mi dica, lei pensa qui dalle vostre parti, che sia un grande disonore per una donna
bloodymar

Maria I di Inghilterra, la Sanguinaria

“Vi è qualche irregolarità nei pasti e nei cibi che ella mangia che le provocano dei disturbi, la conseguenza è che
bloodystrip

Bloody Comic Strip: quando col cavolo che faccio la ruota

dechirico

La seduzione femminile in mostra a Roma (fino al 5 ottobre)

Da sempre nel mondo dell’arte il corpo femminile viene utilizzato per proiettare un’immagine di desiderio e fascino, ma anche paura e
chi-reu-france-fashionchanel-wre0022509217-20140930

The F-word e il caso Chanel: ciò che non siamo, ciò che non vogliamo

Fino a qualche tempo fa, the F-word, ovvero la parola con la F, era una ed inequivocabile: fuck. Da qualche tempo,
adelaide

Adelaide Albinati e la canzone del mese

Da quanto questa piccola rubrica ha preso forma, ammetto di aver iniziato a vedere le stelle. Da un lato, mi sono
kathyacker

Il sangue e le viscere nel “nuovo femminismo”

Lo avete individuato nell’aria, quel preciso sentore di Nuovo Femminismo, quello sprecarsi di folte sopracciglia e ricerca di donne che facciano
iperboleCover

Giveaway: “Un’iperbole e mezza” di Allie Brosh

Partiamo dalla quarta di copertina “Questo libro è figo”. Vero. Ma non è sufficiente. Questo libro è veramente figo. Si potrebbe
vulcano

Libri essenziali per bambine disordinate: “L’isola del tempo perso”

Io non ero una bambina disordinata. Di più. Talmente disordinata da impilare libri in bagno, sull’asse del gabinetto. Ho smesso soltanto
rumble

Caos: una guida per capire che non esiste guida

IMG_6969

Dis.order: un racconto quotidiano di un “disordine alimentare organizzato”

di Claudia Mariani   Sono sempre stata affascinata dalle contraddizioni, soprattutto da quelle linguistiche e semantiche. L’anoressia viene definita come un