Crea sito

ELEONORA ANTONIONI

Labyrinth_Softrevolution

disagi
Rimpiangere di essere madre non è un crimine

Rimpiangere di essere madre non è un crimine

Ci sono momenti in cui una frase detta casualmente da un conoscente ci attanaglia il subconscio per mesi. Ho avuto uno di questi istanti quando la mia estetista, appena tornata al lavoro dopo la maternità, ha risposto alla mia domanda cortese su come sia andata la gravidanza con una frase difficile da dimenticare: “È andato...
Sul tradimento e sulle narrazioni sentimentali odierne

Sul tradimento e sulle narrazioni sentimentali odierne

In una scena di Purificàti, terzo testo drammaturgico di Sarah Kane, Carl, che ama, ricambiato, Rod, gli offre un anello come promessa di eterna, irriducibile fedeltà. Rod però rifiuta, con un discorso secco ma incredibilmente onesto: Ora ti amo. Ora sto con te. Farò del mio meglio, momento per momento, per non tradirti. Ora. Tutto...
Il caso Tim Hunt: riflessioni a freddo e reazioni dell'opinione pubblica

Il caso Tim Hunt: riflessioni a freddo e reazioni dell’opinione pubblica

Lasciatemi parlare dei miei problemi con le ragazze. Accadono tre cose quando sono nei laboratori: voi vi innamorate di loro, loro si innamorano di voi, e quando le criticate, piangono. Da qualche giorno, anche la persona meno appassionata di scienze ha conosciuto Tim Hunt, e non solo per i suoi meriti scientifici (che sono enormi...
Libera meu xixi, o del sacrosanto diritto di fare pipì

Libera meu xixi, o del sacrosanto diritto di fare pipì

Dentro l’Università Federale di Roraima, campus di Boa Vista, lassù nell’estremo nord del Brasile al confine col Venezuela, da qualche giorno sono apparsi dei cartelli molto particolari. Posizionati vicino ai bagni, questi cartelli si propongono di rassicurare gli alunni transgender quando devono scegliere quale bagno usare; l’azione fa parte di un progetto più ampio, chiamato Libera...
Bag it: la nostra vita è troppo plastica

Bag it: la nostra vita è troppo plastica

Nell’ambito dell’industria alimentare esiste una cosa detta bliss point che è il punto di estasi del palato, il punto cosiddetto di beatitudine. Il giusto miscuglio di dolce, salato e grasso che ci fa raggiungere una reazione (il rilascio di endorfine), e un riflesso (ripetere il gesto che ha procurato quel rilascio). Ciò ci induce a continuare...
Bullismo: l'errore è pensare di meritarlo

Bullismo: l’errore è pensare di meritarlo

In Toscana abbiamo una parola bellissima per descrivere chi viene infastidito dalle minime cose, prova piacere nel potersi lamentare di tutto e preferibilmente gira anche con le lacrime in tasca: fioso. In virtù dell’essere io una bambina estremamente fiosa e viziata, secondo la maggior parte delle maestre che ho avuto, ero altresì convinta di meritarmi...
Le luci della città: una pratica guida alla depressione per autodidatti

Le luci della città: una pratica guida alla depressione per autodidatti

La mia terza crisi depressiva fu la prima ad essere diagnosticata. Avvenne in un pomeriggio di settembre, nello studio del dottor M.. Fuori c’era un sole che mi sembrava, come minimo, indiscreto. Prima di rivolgermi ad un professionista avevo fatto passare tempo, abbastanza da essere sicura di averne davvero, davvero bisogno. Quando mi ritrovai a...
Il culto mariano: l'idealizzazione di Maria come strumento di misoginia

Il culto mariano: l’idealizzazione di Maria come strumento di misoginia

Cosa succederebbe se tutti gli uomini si astenessero dal matrimonio? Piaccia a Dio che vogliano farlo tutti! In una delle sue numerose opere dogmatiche, intitolata La dignità del matrimonio, Sant’Agostino d’Ippona (354-430), teologo e padre della Chiesa cattolica, affronta con questa domanda un problema cruciale per il cattolicesimo dei primi secoli. Come ho illustrato in...
Razzismo tra i banchi di scuola: il caso di Pisa

Razzismo tra i banchi di scuola: il caso di Pisa

Non passa giorno senza che le nostre utopie concrete siano scalfite da una o più notizie dal peso quasi insostenibile. Il senso di ingiustizia ci ricopre e per qualche istante ci abbandoniamo, ci lasciamo schiacciare, restiamo senza parole. Oggi abbiamo letto la storia dei suprusi che stanno colpendo, nella città di Pisa, una quattordicenne di...
Della vita dello "stupratore del taxi" non importa a nessuno

Della vita dello “stupratore del taxi” non importa a nessuno

Attenzione: questo articolo contiene riferimenti alla violenza sessuale   A me, della vita di uno stupratore, non me ne può importare meno. Non mi importa che lavoro faccia, quanti figli abbia, quanti soldi abbia, che aspetto abbia. Per me, e soprattutto per la sua vittima, Simone Borgese è soltanto uno stupratore. Che uno stupratore sia...
Pubblicità agghiaccianti della settimana: Stroili e DeaByDay

Pubblicità agghiaccianti della settimana: Stroili e DeaByDay

di Cristina Padovan L’altro giorno, facendo tranquillamente zapping in tv, ho visto l’ultima parte di una pubblicità di Stroili, marca di gioielli. Lo slogan è “Follow me” (azzeccato nell’epoca social, si dirà). Rimango agghiacciata quando la protagonista, tranquilla in casa sua a rimirarsi gioielli, ammicca a qualcuno che l’ha fotografata per tutto il tempo da...