Crea sito

di Giulia Tomai

romanticismo_sito

moda
Tre ragazze provano a cambiare l'industria della moda con ILUUT

Tre ragazze provano a cambiare l’industria della moda con ILUUT

Chi ha realizzato gli abiti che possiedo? Chi ha coltivato il cotone, chi ha trasformato le fibre in filato, tinto il tessuto e cucito il tutto? Per molta parte del mio guardaroba, non saprei affatto come rispondere, ma immagino di non essere sola nella mia ignoranza. Di recente, la discussione attorno a queste domande è cresciuta...
Shopping: un mondo solo al femminile?

Shopping: un mondo solo al femminile?

Sabato, primo giorno di saldi, esterno centro. Gruppi di ragazze e donne di tutte le età si accalcano in fila davanti ai negozi. Si formano le prime code, qualcuna si lamenta del caldo, altre del fatto che “C’è chi arriva e vuol saltar la fila, pensi lei!”. Pochi maschi, per lo più dall’aria stanca, guardano...
Journal des Dames et des Modes: un pizzico di libertà in forma giornalistica

Journal des Dames et des Modes: un pizzico di libertà in forma giornalistica

Le donne non sono realmente schiave un po’ su tutta la terra? […] Perché togliete alle donne ogni esistenza politica e l’accesso a ogni funzione? Le donne non condividono, come voi, lo spirito, il giudizio, il genio, il coraggio, le virtù, la forza? […] La cosiddetta debolezza della donna, la sua cosiddetta incapacità a tale...
Mutande non convenzionali: consigli per gli acquisti

Mutande non convenzionali: consigli per gli acquisti

Quello che separa me da un cassetto colmo di biancheria veramente lodevole è una mera questione economica. Laddove della biancheria veramente fatta bene costa una quantità di denaro giustamente indefinita, i miei ostacoli si fanno enormi (“mezzi, affitto, CIBO”) e i miei scrupoli tristemente si azzerano. Nonostante le mie membra restino mestamente ricoperte da 96% di...
Uscire dai binari: la rivelazione del progetto DarkMatter

Uscire dai binari: la rivelazione del progetto DarkMatter

Attiv* su molte piattaforme web, conness* regolarmente sui social media, legat* ad un circuito accademico che ha introdotto e consacrato il loro lavoro nei queer studies. Sono le costanti del lavoro di DarkMatter, il progetto performativo di due attivist* residenti a New York, Alok Vaid-Menon e Janani Balasubramanian, artist* trans di origine sudasiatica. Il modo...
I tuoi vestiti stanno cercando di ucciderti?

I tuoi vestiti stanno cercando di ucciderti?

Io amo i vestiti, ma proprio tanto. Ne ho talmente tanti che quando faccio il semestrale ripulisti va a finire che ne ho più di prima perché in fondo all’armadio salta fuori la camicetta che ha tentato la fuga lanciandosi dall’appendiabiti. I vestiti sono una parte fondamentale della vita di molti: ci rappresentano, ci valorizzano,...
Decori DIY per i bikini dimenticati nei cassetti

Decori DIY per i bikini dimenticati nei cassetti

Ammettiamolo. Tutte ne abbiamo uno. Lì, che giace triste e solo nel cassetto dei costumi. A tredici anni il bikini che regalavano con il Cioè di luglio era una tentazione irresistibile, perché a tredici anni non si pensa a quanto possa essere brutto, triste e soprattutto impossibile da indossare un costume taglia unica che infilano...
La moda passa, il pregiudizio resta

La moda passa, il pregiudizio resta

Il mio desiderio è comprare due librerie Billy dell’Ikea: una da riempire con i grandi classici della letteratura del Novecento, l’altra per appoggiarci sopra le numerose paia di scarpe che già possiedo e il cui numero non accenna a diminuire. Quando parlo di questa mia aspirazione mi sento sempre dire: “Ma come? Una ragazza come...
Esperimenti involontari: un anno (quasi) senza shopping

Esperimenti involontari: un anno (quasi) senza shopping

Da ottobre 2013 a ottobre 2014 non ho comprato niente che andasse indossato. Oddio, non è del tutto vero: ad agosto ho comprato un paio di scarpe da ginnastica per sostituire quelle che mi avevano abbandonato in mezzo a un’area archeologica. L’alternativa era andare in giro scalza. Teoricamente il post potrebbe finire qui, visto che...
Cosa vogliono dire "moda lenta" e "moda veloce"?

Cosa vogliono dire “moda lenta” e “moda veloce”?

Non si è mai parlato tanto di bio, di chilometri zero, di slow food, come nell’ultimo anno. Complice l’ imminente Expo a tema alimentazione, il successo del movimento di Carlo Petrini, la diffusione dei GAS, l’avvento di Eataly a Milano che occupa lo spazio che fu del teatro Smeraldo, i NaturaSì che spuntano come funghi....
TV e moda: intervista a Marta Martina

TV e moda: intervista a Marta Martina

Parlare di cultura pop contemporanea significa spesso doversi muovere in temi poco riconosciuti, o meglio, universalmente bistrattati. Il libro Factual, reality, makeover. Lo spettacolo della trasformazione nella televisione contemporanea (a cura di Veronica Innocenti e Marta Perrotta) analizza alcuni dei contenuti più seguiti della televisione di oggi. Abbiamo estrapolato alcuni dei saggi contenuti nel libro...
The F-word e il caso Chanel: ciò che non siamo, ciò che non vogliamo

The F-word e il caso Chanel: ciò che non siamo, ciò che non vogliamo

Fino a qualche tempo fa, the F-word, ovvero la parola con la F, era una ed inequivocabile: fuck. Da qualche tempo, però, una nuova e per alcuni ben più temibile F-word si è insinuata nel sentire comune: femminismo. Nel corso degli ultimi mesi il femminismo è diventato un tema scottante, una parola in grado di...