Crea sito

INDIPENDENZA – CLAUDIA NUKE RAZZOLI

SOFTREVOLUTION RITAGLIO SITO DIMENSIONI

Archivio Autore: SoftRevolutionZine
La figura femminile nei manga: Ranma ½

La figura femminile nei manga: Ranma ½

Questo post fa parte di una serie. Per leggere le altre parti clicca qui.   di Ludovica De Santis Una delle mangaka più significative nella storia del fumetto nipponico di genere shōjo è Rumiko Takahashi. Nata a Nigata il 10 ottobre 1957, debutta all’età di soli venti anni con la storia breve Katte na Yatsura, che...
La figura femminile nei manga: Sailor Moon e lo shōjo moderno

La figura femminile nei manga: Sailor Moon e lo shōjo moderno

Questo post fa parte di una serie. Per leggere le altre parti clicca qui.     di Ludovica De Santis Il secondo grande cambiamento nella storia dello shōjo e del ruolo femminile nel fumetto nipponico avviene all’inizio degli anni novanta con la creazione di una nuova tipologia d’eroina in un contesto decisamente diverso. Il romanticismo...
La figura femminile nei manga: gli anni '70 di Lady Oscar

La figura femminile nei manga: gli anni ’70 di Lady Oscar

Questo post fa parte di una serie. Per leggere le altre parti clicca qui.     di Ludovica De Santis La figura femminile è da sempre di estrema rilevanza nella storia del fumetto giapponese. Molte persone in Italia sono cresciute guardando i primi shōjo anime giapponesi trasmessi in Italia, in cui la ragazza o donna,...
Afferrare l’impossibile: Les années  di Annie Ernaux

Afferrare l’impossibile: Les années di Annie Ernaux

di Ilaria Moretti Sono inciampata in Annie Ernaux in un giorno di primavera di qualche anno fa. È accaduto in Rue du Plat, a Lione, in una piccola biblioteca inusuale che esiste ancora oggi, La bibliothèque pour tous. I libri vengono venduti a non più di tre euro, ogni giorno ci sono nuovi arrivi, affari...
Appreciation moment: MØ

Appreciation moment: MØ

di Magda Redaelli Con il suo primo album, No Mythologies to Follow, la cantautrice danese MØ – all’anagrafe Karen Marie Ørstedt, classe 1988 – presenta un lavoro eclettico, multiforme ed armonioso: senza dubbio il risultato di una lunga evoluzione artistica. Crescendo con le Spice Girls e passando attraverso il punk e l’hip-hop, in un percorso...
Il racconto dei racconti: una critica

Il racconto dei racconti: una critica

di Nicoletta Chinni Qualche giorno fa entro in ufficio e prima del buongiorno un collega mi chiede: – Hai visto Garrone? Io, che dal suo sguardo già mi figuravo immani catastrofi, rispondo sollevata: – Sì, ieri. – E che ne pensi? Argomentare una risposta di senso compiuto mi sembra subito un po’ più complicato. Però...
La redazione di Soft Revolution in blu (come da tradizione)

La redazione di Soft Revolution in blu (come da tradizione)

Abbiamo già avuto la gallery bianca e la gallery rosa, quindi come poteva mancare la nostra collezione di oggetti blu?
Blue Movie di Andy Warhol: la politica del sesso

Blue Movie di Andy Warhol: la politica del sesso

di Mariangela Bruno Il termine blue in inglese vuol dire molte cose, forse anche troppe. Uno dei numerosi significati fa parte della storia della pornografia. Tra gli anni Venti e Quaranta del Novecento, i blue movies facevano rallegrare e riempire i bordelli clandestini. A causa della censura, i film ad alto contenuto pornografico venivano girati...
Geeshie, sulle tracce del più intricato mistero del blues

Geeshie, sulle tracce del più intricato mistero del blues

di Licia Vignotto   Last Kind Words è una canzone lenta e affaticata, sudata. Ad ascoltarla sale la febbre. Blues primitivo e umido, canti di lavoro, pelle scura e abiti chiari, fatalismo e fantasmi. Soprattutto fantasmi. What you do to me baby it never gets outta me I may not see you after I cross...
Il blu è un sacco di cose

Il blu è un sacco di cose

di Chiara Gambuto BLU. Il blu è un sacco di cose. Il colore dei mari, degli oceani, il colore della notte… Si dice spesso di sentirsi blu quando si è tristi. Anche le principesse dei mari sono blu e ci osservano insieme alle creature marine, chiedendosi se le cose un giorno cambieranno colore.
Pubblicità agghiaccianti della settimana: Stroili e DeaByDay

Pubblicità agghiaccianti della settimana: Stroili e DeaByDay

di Cristina Padovan L’altro giorno, facendo tranquillamente zapping in tv, ho visto l’ultima parte di una pubblicità di Stroili, marca di gioielli. Lo slogan è “Follow me” (azzeccato nell’epoca social, si dirà). Rimango agghiacciata quando la protagonista, tranquilla in casa sua a rimirarsi gioielli, ammicca a qualcuno che l’ha fotografata per tutto il tempo da...
I cieli blu di "Sils Maria"

I cieli blu di “Sils Maria”

di Ilaria Moretti In una lirica di Bertold Brecht, Ricordo di Marie A., il poeta accostava il pensiero dell’amata perduta a quello di un limpido cielo settembrino: E su di noi nel bel cielo d’estate c’era una nube ch’io mirai a lungo: bianchissima nell’alto si perdeva e quando riguardai era sparita. L’immagine dell’impalpabilità dei rapporti...