Crea sito

Rita Petruccioli

rita_miti_soft_revolution_sito

Archivio Autore: Margherita Ferrari
Glitter Appreciation Moment

Glitter Appreciation Moment

Sono (ingiustamente) temuti da un’ampia fetta della popolazione, eppure hanno il potere di rendere pressoché invincibile chiunque se ne ricopra. Stiamo parlando dei glitter, ovvero la materia sbarluccicosa che siamo solite associare a “serate particolari” o comunque occasioni specialissime. Parte di questa associazione, comprensibile fino ad un certo punto, è da imputarsi ad una retorica
Nothing But Flowers - Ridatemi il verde

Nothing But Flowers – Ridatemi il verde

Nothing But Flowers è uscita nel 1988, quando io avevo tre anni tondi tondi. A tre anni, mentre i Talking Heads ultimavano il loro ultimo – splendido, superfluo dirlo – album, io mi rotolavo felice in un prato. Il vantaggio di crescere in Brianza – terra, come ci insegnano i sommi poeti, velenosa – è che, veleno a parte,
Una chiacchierata attorno al libro "Oleandro Bianco" ("White Oleander") di Janet Fitch

Una chiacchierata attorno al libro “Oleandro Bianco” (“White Oleander”) di Janet Fitch

Questo articolo non è un articolo, almeno non nel senso stretto del termine. Non è neanche una recensione, né un intervento di un opinionista. Più banalmente, è una chiacchierata tra due colleghe su un tema specifico: un libro. Mentre raccoglievamo idee sugli articoli da produrre per il tema del mese, saltò fuori che sia io
Cresci bene che ripasso (o del sessismo tricologico)

Cresci bene che ripasso (o del sessismo tricologico)

Le autrici (Marta e Valeria, portatrici sane di capelli corti) si sono alternate nell’esporre una serie di considerazioni in risposta ad alcune diatribe nate online. Gli articoli da visionare prima di leggere ciò che segue sono questo [Return of Kings], questo [The Daily Dot] e questo [New Statesman]. V: Quando Marta ha condiviso con il
Oggi "The Smiths" compie 30 anni e noi vi regaliamo l'autobiografia di Morrissey

Oggi “The Smiths” compie 30 anni e noi vi regaliamo l’autobiografia di Morrissey

Dopo aver passato decenni a scrivere testi in cui tutti riconoscono la propria vita, Moz  l’anno passato ha deciso di prendere la penna in mano e raccontare, nero su bianco i fatti suoi. Autobiography (e poteva forse chiamarsi diversamente?) è un flusso di coscienza che parte from the very beginning, “my childhood is streets upon
Il mio amico ventolin

Il mio amico ventolin

La prima volta che ti ho visto devo aver avuto cinque anni, forse sei. Eri in compagnia di mia cugina quella più piccola, e lei ne andava stranamente fiera. Non capivo proprio che ci fosse da essere fieri nel passare le giornate insieme a te, ma lei era felicissima di conoscerti. Valla a capire. Noi
Le parole sono importanti: ecco perché ci serve The Unslut Project

Le parole sono importanti: ecco perché ci serve The Unslut Project

Ogni volta che mi ritrovo a pensare “le parole sono importanti” mi sento un po’ Nanni Moretti in questo momento qui, ma urla furiose a parte, è innegabile: le parole SONO importanti. E non nella versione di disperato attaccamento all’etimo volto a dimostrare che una cosa è nata con quel significato quindi mai potrà cambiare
QZAP: Queer Zine Archive Project

QZAP: Queer Zine Archive Project

Sono sicura che anche voi, come me,  talvolta, quando ammazzate il tempo qua e là fra la gif di un gattino e i meme del tal telefilm e le ricette per vivere spendendo non poco ma ancora di meno, ogni tanto vi ritroviate, dopo qualche ora, a fissare lo schermo assai straniti chiedendovi Ma cosa…ma
Suggerimenti per il weekend: Sprint Milano

Suggerimenti per il weekend: Sprint Milano

È vero che Milano è una città grande*, ma è anche vero che in una città grande non sempre le cose che succedono sono cose che interessano a te. È dunque con grande gioia, tripudio e gaudio che  volgo lo sguardo a questo allegro fine settimana che si avvicina (passato il lunedì mattina, venerdì sera
Ho paura di non sapermi allenare abbastanza

Ho paura di non sapermi allenare abbastanza

Ho questa scatola, in camera da letto, una scatola di cartone a righe bianca e rosa, di quelle scatole che ci sarebbero state benissimo in questa rassegna, una scatola di cartone comprata in una certa super catena svedese, che costava poco, ed erano ben due ridicole scatole rosa, una è dedicata a contenere cose-che-non-ci-stanno-più-nell’armadio e
Tutti i mali del mondo: la brutta piega della Questione Miley Cyrus

Tutti i mali del mondo: la brutta piega della Questione Miley Cyrus

Vi piacerebbe non sapere chi è Miley Cyrus, che roba è il twerking, qual è il ritornello di Blurred Lines, sì? Mettere il microfono in muto sulle parole di Guido Barilla e la relative polemiche, spegnere la tv quando passa (l’ennesimo) spot sessista e sicuramente menzognero, ignorare l’esistenza di commenti misogini e cretini praticamente intorno
Il nastrone dell'allegria (ma anche no)

Il nastrone dell’allegria (ma anche no)

Se sei triste e ti manca l’allegria… questo nastrone potrebbe fare al caso tuo. O forse no. Dipende: quanta attenzione presti ai testi rispetto alla musica che li circonda? Perché dietro questi nove tanto allegri motivetti si nasconde un abisso di disperazione. Sotto strati di xilofono gaudenti, sintetizzatori zuzzerelloni e gracidar di rane ci sono