Da quando venivano usati per curare l’isteria femminile – storia misogina e vecchia – ad oggi, i sex toys ne hanno fatta di strada. Per dire, ora certe catene di elettrodomestici li vendono, sentendosi, forse giustamente, molto progressiste. Oppure le farmacie, dove li potete trovare nei distributori automatici insieme a preservativi, barrette proteiche e assorbenti.

Siamo nel 2018 e nonostante un po’ passi avanti dalla cura per l’isteria si siano fatti, capita ancora di veder scatenati dei putiferi quando si tocca l’argomento, come questa triste vicenda non ha mancato di ricordarci. O quest’altra. O questa altra ancora.

Broad City

Ci sarebbero litri di frasi da scrivere sull’ancora mancata emancipazione femminile, su come la condizione della donna – in Italia ma non solo – sia spesso tragica, e sugli innumeravoli danni del patriarcato per quanto riguarda l’idea che sì, le donne abbiano diritto a tutta una sfera di piaceri vasta tanto quanto gli uomini, ma: non è questo l’argomento di questo post. Che, come da titolo decisamente autoevidente, presume che questo passo l’abbiate già fatto (in caso contrario, prego rileggere questo sito da cima a fondo più e più volte).

Quindi: guida pratica all’acquisto ed al mantenimento di tutti i sex toys che vorrete mai comprare.

Chi può comprarli

Voi, ovviamente, e la persona con cui state/frequentate/scopate se vi sembra una cosa carina da fare assieme. Ma anche assolutamente e completamente da soli, con ben salda in testa l’idea che non lo state facendo perché siete soli ma perché volete farlo punto e stop. È abbastanza deprimente la sola idea che il cioccolato venga comprato in solitudine perché c’è della disperazione di fondo, figuriamoci se questa teoria viene applicata ai sex toys. No.

E quando

Personalmente non avendo molti soldi a disposizione prima di fare ogni acquisto che superi i due euro leggo una vastissima quantità di recensioni per essere sicura che quei soldi finiranno esattamente in quello che “mi serve”. Quindi la risposta potrebbe essere quando avete i soldi, e quindi qui e qui potete trovare delle ottime recensioni con approfondite ed esaustive esperienze che indirizzino i vostri acquisti.

Se i soldi non sono un problema (ottimo per voi!) quando vi pare credo sia un’ottima metrica.

Womanizer (venduto su Goodvibes.com)

Ma soprattutto, dove

Come sempre internet è una risorsa meravigliosa, dove esistono graziosi posti come Other Nature pronti a riempire i vostri cassetti di oggetti piacevoli, magari vegani e decisamente femministi, ma se è la prima volta che vi approcciate alla materia andare in un posto fisico dove qualcuno può consigliarvi e levarvi di dosso un po’ di dubbi non è una cattiva idea.

Se passate a Roma, Milano e Bologna potete andare a CybertubaSex Sade e Betty Books. Se invece non abitate in nessuna di queste città sono sicura che anche nella vostra potrebbe esserci un bel negozio dove fare compere. Se non c’è, se non avete modo di scoprirne l’esistenza, internet è una risorsa meravigliosa, e sì, normalmente i pacchi inviati da negozi che vendono sex toys vengono imbustati in modo molto discreto.

Choosy (venduto su other-nature.de)

Sona Cruise (venduto su Lelo.com)

Perché

Perché no, dopotutto.

Cosa

Qui si apre l’enorme categoria ascrivibile sotto il “dipende da che cosa vi piace, probabilmente dipende anche da quanti siete o da quello che vorrete ottenere.” Come potrete agilmente notare dando un’occhiata ai siti sopra linkati o direttamente in negozio, che sia fisico o meno, l’offerta è letteralmente sconfinata. Motivo per cui (di nuovo, a meno che le vostre risorse economiche non siano contingentate, e di nuovo, ottimo per voi!) fermatevi a riflettere un attimo su quello che vi può interessare, e tenete conto anche di un paio di fattori pratici.

Se ad esempio non abitate da sol* e avete tutta l’intenzione di vivere la vostra vita nel massimo riserbo possibile, valutate il fattore rumore/stoccaggio: capire dove posizionare i vostri acquisti può essere fondamentale in caso di madri ficcanaso o camere doppie. Se pensate di desiderare qualcosa di troppo strano che vi farà sembrare dei mostri orribili agli occhi della società no, sappiate che il 99.9% dei casi non è così, tutto normale.

Questo bel canale Youtube, Lovehoney TV tende più verso il lato kinky dello spettro ed è lì a rassicurarvi, siete adult* consenzient* generalmente è tutto ok.

Se siete (o vi sentite) alle prime armi, là fuori è pieno di manuali ben lontani dalla copie ammuffite di Kamasutra che l’amico di un amico ha sempre in cantina quando voi avete 14 anni pronti a spiegarvi nel dettaglio tutto quello che volete imparare (Il mio consiglio? The Whole Lesbian Sex Book di Felice Newman). Eventualmente anche con un sacco di disegnini, se amate le spiegazioni dettagliate e i fumetti di Erika Moen.

Sola Pip (venduto su Meetsola.com)

Manutenzione? Sì

Passata la gioia di aver comprato qualcosa che vi rende felici, sappiate che subentrerà il momento in cui vi prenderete cura di quella cosa per fare in modo che duri il più a lungo possibile. Il che si traduce, in caso di sex toys, in un’adeguata pulizia dopo l’uso (e in alcuni casi anche prima), e nel tassativo uso di precauzioni se i sex toys vengono condivisi da una o più persone.

Sarà tutto molto divertente.