Crea sito
READING

Come suona “Una settimana difficile” d...

Come suona “Una settimana difficile” di Chiara Monaldi

Rimango qui,
senza chiedermi se e come affronterò un altro lunedì.

Chi non se lo chiede, costantemente? La settimana, quell’unità di tempo compresa tra un lunedì e un altro ci ricorda quanto la nostra vita sia suddivisa in noiosi moduli temporali. E quanto, questo tempo sommato assieme, una settimana dopo l’altra, riesca sempre a sfuggirci tra le mani.

Chiara Monaldi è una cantautrice romana e ha messo in musica Una settimana difficile, EP fatto di sette canzoni, come i giorni della settimana: comincia proprio con Lunedì e termina con È finita.

ChiaraMonaldi1
Cresciuta tra la Garbatella e le aule di una scuola di musica di Testaccio, Chiara Monaldi dal 2011 è maestra di canto e presta la sua voce in diverse formazioni, passando dalla musica popolare, il jazz e il cantautorato (Morgan con la i). Nel suo disco di esordio solista invece mette sé stessa e il suo mondo e racconta la quotidianità dei vent’anni, accompagnandosi alla chitarra.

Ho cominciato a scrivere queste canzoni anni fa, per poi lasciarle, in attesa di avere la forza e anche la spensieratezza di cantarle ancora, malgrado molte cose fossero cambiate. Ne ho scritte di nuove, le ho suonate, qualche amica mi ha detto ‘perché non farlo?’. Questo è il risultato di mesi di cene, sabati mattina con la sveglia presto, cantate a squarciagola in macchina e persone che ho amato e amo.

Le prime canzoni risalgono al 2014, quando Una settimana era pensato davvero come un album di canzoni-giorni, poi accantonate perché nascondevano dietro l’ironia la vera identità di Chiara.
Due anni dopo, decide di riprenderne in mano alcune e di riprovarci. Insieme a Priscilla De Pace e a Giacomo Nardelli, Chiara registra le sette canzoni che compongono l’EP, e l’artwork di Adelaide Albinati completa il lavoro.

Situazioni quotidiane, anche banali, che non portano da nessuna parte, non a una crescita, non per forza a una consapevolezza: la settimana di Chiara Monaldi è una settimana speciale nella sua ordinarietà.

Si parte dal risveglio di Lunedì, con il proprio uomo accanto nel letto e fingendo che il mondo fuori non esista, arrivando a Roma, canzone dedicata alla città e alla migliore amica dei 16 anni, passando per Noi due nel bar, a metà tra la cover e l’adattamento in italiano della canzone di Cat Power Lived in Bars.

Il disco prosegue con La rabbia, canzone che libera con estrema onestà la frustrazione di certi rapporti uomo-donna, e poi con Venerdì (“Io di questa incoscienza non so più che farmene / e vado alle serata con scarsa sobrietà / intavolo discorsi su questa nuova età / e fingo che sia interessante avere acconto a me un regista e un cantante”) e infine con Di tornare ed È finita, due brani che insieme fanno da chiusura e raccontano del sempre più frequente sentimento di chi resta nella città natia e vede gli altri andarsene a cercare il luogo giusto dove mettere nuove radici, ma “giurami di non dimenticare di tornare”.

La settimana difficile di Chiara è la tipica settimana difficile di tutti quanti noi, una storia non infinita ma abbastanza lunga da ripercorrere con nostalgia e amarezza il passato, le scelte dai chi resta contro quelle di chi parte, la solitudine di questa età e la forza di continuare, cominciando da una nuova settimana.


RELATED POST

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.