Crea sito
READING

Podcast pregevoli per sconfiggere la noia

Podcast pregevoli per sconfiggere la noia

Quello che accomuna le ragazze della redazione che sono andate in vacanza e quelle che sono rimaste incatenate alle loro scrivanie sono le ore e ore di silenzio che hanno a disposizione durante agosto. Come riempirle? Con dei podcast intelligenti e pregevoli, ovviamente! Abbiamo radunato i nostri preferiti e ve li presentiamo, pronti per la vostra prossima coda autostradale o i quaranta minuti bloccat* in metropolitana con sessanta gradi.

 

Senza rossetto nella cabina elettorale

SRCELudovica Lugli

Il 2 giugno 1946 le donne italiane hanno votato per la prima volta, al referendum per scegliere tra monarchia e repubblica e alle elezioni dell’Assemblea Costituente. Sono passati settant’anni e i giornali ne hanno riparlato, ricordando quelle donne e quel momento. Importante, ma che noia: il problema con gli anniversari, specie quelli che ci ricordano i passi avanti fatti per i diritti politici e civili rischiano di suonare come vuote celebrazioni che distraggono dai problemi che esistono tuttora. Però ci sono modi per conservare memorie importanti senza essere superficiali e dicendo qualcosa sul mondo oggi.

Giulia Cuter e Giulia Perona sono riuscite a farlo con il podcast Senza rossetto nella cabina elettorale. Sono tre brevi racconti inediti di tre scrittrici italiane – Violetta Bellocchio, Annerita Briganti e Annalisa De Simone – letti dalla voce delle rispettive autrici. Nessuno dei tre parla solo del 2 giugno 1946: quello è solo il punto di partenza per ripensare a come è cambiata la vita delle donne, sia nella sfera familiare sia in quella pubblica.

*

You Must Remember This

Roberta Ragona

ymrtSe i cinegiornali Pathé, una tv locale che trasmette solo noir in bianco e nero e una rubrica di pettegolezzi di una rivista degli anni Quaranta avessero una relazione illecita, il risultato somiglierebbe molto a You Must Remember This di Karina Longworth. Storie dell’epoca d’oro di Hollywood raccontate attraverso i suoi protagonisti meno noti (ma soprattutto le sue protagoniste) e le vicende dimenticate. Con un occhio alle questioni di genere, all’atteggiamento della società nei confronti delle donne, al sesso come commodity e a cosa è cambiato rispetto ad allora: “It’s not all that different from how it is now, but today it’s just less obvious”.

*

Feed Me Strawberries

Veronica Tosetti

fmsChi ascolta abitualmente podcast sa bene che i momenti migliori per inforcare le cuffie sono i momenti vuoti, quelli in cui magari sei costretto a spingerti dal lavoro verso casa, o alla meglio verso il luogo di socializzazione, spesso solitario e annoiato. Lo sanno Valentina e Robin, che ogni martedì sera ti consegnano sul loro stream di Telegram un messaggino (e non dimentichiamo una gif matta) con una nuova puntata del loro podcast Feed Me Strawberries, ovvero nutrimi di fragole. Uno spuntino, uno sfizio godurioso ma semplice, come l’idea che sta alla base del prodotto.

Una conversazione intima, quasi spassionata, con la voce dei due autori, che trovando di volta in volta un filo conduttore (che sia paure vs fantasie, ballare da soli, corse e promesse e così via) ti mettono insieme una selezioni di brani che ogni volta è davvero un’emozione scoprire. E mettiamoci pure la pigrizia dell’uomo/donna moderno: grazie a questo podcast scopro sempre delle perle di rara bellezza musicale. Al bando tedio e solitudine, fatevi dei nuovi amici immaginari.

*

Women of the Hour with Lena Dunham

Veronica Tosetti

wothSe persino un genio della scrittura come Lena Dunham (autrice della serie tv Girls) ha deciso di creare il proprio podcast, ci sarà un perché. Radunando a raccolta le sue migliori amiche e alcune tra le persone più influenti di internet e dello showbiz, Lena ha scritto una breve serie di 5 puntate (più numerosi extra) sui temi a lei cari, gli stessi trattati nel suo libro autobiografico Not That Kind of Girl.

Alterna momenti di interviste e confronti diretti (come quello in macchina con Jemima Kirke) ad altri scambi “epistolari”, riuscendo a esprimere un quadro che per fortuna non si sofferma al suo ego, ma espande la visione sul genere femminile. Lena si conferma una maestra del comico (ascoltate la puntata con Emma Stone) e della scrittura nonfiction e viene da dire che, per quanto questo sia il suo prodotto meno conosciuto, è decisamente uno dei più riusciti.

*

Dnews Plus

Roberta Ragona

dipiuDio benedica i nerd. Un podcast che racconta la scienza con un linguaggio comprensibile, usando riferimenti pop e un taglio ironico, senza banalizzare. Ogni settimana un nuovo tema viene affrontato nell’arco di cinque puntate, dallo spazio all’intelligenza artificiale passando per l’etologia e la biologia, un approccio offre il giusto spazio all’approfondimento e alla complessità dei temi, con un senso dell’umorismo che piacerebbe a Douglas Adams. Il podcast ideale se avete sempre avuto il sospetto che l’universo (e la scienza in generale) fosse molto più interessante di come ve la raccontava il professore di fisica del liceo, ma non avevate ancora trovato nessuno che ve la raccontasse con le parole giuste.

*

 

Call Your Girlfriend

Marta Corato

CYGOgni settimana le amiche a distanza Aminatou Sow e Ann Friedman discutono di qualsiasi argomento, dalla politica ai rossetti, ci aggiornano sulle ultime news in fatto di mestruazioni e intervistano amiche e colleghe che fanno cose belle.

Call Your Girlfriend è sicuramente il mio podcast preferito e quello che ho consigliato a più persone. Da un lato è divertentissimo e mi fa ridere a tutto volume in metropolitana; dall’altro mi fa scoprire qualcosa di nuovo ogni volta che lo ascolto (ormai un’esperienza religiosa, devo dire). Call Your Girlfriend è il femminismo come vorrei che fosse nel 2016: presente in tutti gli aspetti della vita anche se non se ne parla costantemente.

 

*

Welcome to Night Vale

Roberta Ragona

nvL’estate passi la notte a sudare nel letto, sotto il ventilatore, con gli occhi sbarrati, a sbuffare contro il caldo, perdendo le speranze nella possibilità di riuscire ad addormentarti. Lo stato d’animo ideale per sintonizzarsi su Welcome to Night Vale, l’emittente di notizie locali di una piccola cittadina spersa nel mezzo del deserto, in cui gli annunci degli orari di apertura della biblioteca convivono serenamente con misteriose luci nel cielo, figure incappucciate dai poteri non chiari e attacchi di dinosauri. Fantascienza spassosa e inquietante con la voce rassicurante di Cecil Baldwin.


RELATED POST

  1. Elena

    21 ottobre

    Segnalo Death, Sex and Money condotto da Hannah Sale sull’americana NPR.
    http://www.npr.org/podcasts/458929318/death-sex-money

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.