Crea sito
READING

Le streghe son tornate. American Horror Story : Co...

Le streghe son tornate. American Horror Story : Coven

AHS: Coven (copyright Elijah Moshinsky)

Avete presente Sabrina vita da strega? Con le due adorabili zie Hilda e Zelda? Con il sarcastico gatto Salem? Con Harvey, l’eterno fidanzato? Ecco, in American Horror Story: Coven, Sabrina diventa Zoe, che durante la sua prima volta uccide inavvertitamente il suo ragazzo con i suoi poteri fuori controllo; le due buffe zie diventano Fiona Goode (interpretata da una magistrale Jessica Lange), ambiguissima Suprema, ovvero la strega “regina”, e Myrtle Snow, buffa come Hilda ma con una vena di pazzia omicida. Salem diventa un domestico senza lingua, con pulsioni feticiste verso le bambole, e Harvey si chiama Kyle ed è stato riportato in vita da Zoe dopo essere stato ricucito con pezzi umani di varie persone.

AHS è una serie tv a tema horror, trasmessa negli USA dal canale FX. Viene definita “serie antologica” poiché ciascuna stagione di cui si compone ha una trama e una serie di personaggi a sé stanti. Coven è la terza stagione (preceduta da Murder House e Asylum). Alcuni degli attori presenti in questa serie sono già stati visti dallo spettatore nelle due precedenti, anche se si trattava di characters completamente diversi.

AHS: Coven è, finalmente, una serie tv in cui le streghe si comportano da streghe (cioè non si fanno problemi a usare la magia per uccidere, ferire, riportare in vita, manipolare qualcuno o muovere un esercito di zombie), ed è anche un telefilm in cui le donne sono le protagoniste. Gli uomini sono presenti in quanto aiutanti (Kyle o Spalding) o antagonisti e quest’ultimi, in quanto appunto antagonisti, sono uccisi senza pietà. Quello che ho trovato più interessante in assoluto, è appunto la mancanza di rimorso dopo l’omicidio: nessuno si pone problemi a smembrare un essere umano o a ribaltare un autobus pieno di studenti (attenzione però: quasi nessuno degli assassinati è innocente). Il che non è da confondersi con l’assenza di punizioni per l’omicidio: tutti hanno un proprio inferno personale, dalla strega più debole a quella più potente. L’inferno aspetta chi non è innocente. E nessuna strega in Coven è innocente.

Altri motivi per dargli un’occhiata?

• Se siete spaventat* dagli horror, AHS non è propriamente pauroso, dà solo qualche brivido (soprattutto all’inizio). Se invece siete amanti dell’horror, nella stagione (e più in generale nella serie) ci sono riferimenti a quasi tutti i topos principali del cinema horror: final girls, zombie, tavole ouija, maniaci assassini, demoni infernali ecc.

• C’è un trittico di attrici eccezionali: Gabourey Sidibe, che ha un ruolo importantissimo nella serie (anche se all’inizio passa un po’ inosservato); Angela Bassett e Jessica Lange, i cui personaggi sono prima nemiche e poi, per una curiosa svolta del destino, alleate. Ora, Angela Bassett è ovviamente una strega (come si fa ad essere così perfette per impersonare una regina voodoo senza esserlo sul serio?!) e Jessica Lange… beh, impersona il solito personaggio “alla Jessica Lange in AHS”: manipolatrice, astuta, senza scrupoli, crudele se necessario e tre gradini sopra agli altri. Per tutta la serie non saprete se amarla o volerla morta.

[ATTENZIONE SPOILER] Il finale è secondo me il miglior finale di stagione di AHS in assoluto: la serie va avanti in maniera tale da giungere all’ultimo episodio lasciando ogni possibilità aperta, quindi non c’è neanche uno straccio d’indizio (a meno che non siate estremamente ferrat* nei tarocchi, in tal caso osservate bene la sigla) che indichi chi è la prossima suprema. Ogni ragazza potrebbe esserlo e vi assicuro che, quando avrete finito di vedere la puntata, vi staccherete dal computer/tv/qualsiasi apparecchio elettronico su cui la state guardando e vorrete andare a dare una pacca sulla spalla agli autori. Senza neanche parlare del fatto che, come scritto sopra, quando JLange non muore, si rivede!

• Avete presente il girl power? Ecco, l’ho già detto che Coven è la storia di un gruppo di streghe che lottano contro tutto e tutti da sole?


RELATED POST

  1. Lucia

    21 marzo

    Bella recensione! Ho iniziato la serie quando l’ho letta, ora l’ho appena finita e ti ringrazio per avermela fatta scoprire.
    Certo, è una zarrata tutta americana, ma almeno le donne non rientrano nel cliché mogliettina lagnosa sempre tra i piedi, alla Mad Men, per intenderci.

  2. GiOrgeliot

    21 marzo

    Concordo sul fatto che Coven sia la migliore delle stagioni fino a ora, deliziosamente trash e in un certo modo femminista, con un filo che tiene dall’inizio alla fine e bellissimi personaggi (hai citato tre grandiose attrici, ma… E KATHY BATES? Quella donna è… Beh, un mostro ;).
    Non concordo con Lucia sulla rappresentazione delle donne di Mad Men (santiddio e Peggy? E Joan? E la stessa povera Betty?), cioè, in realtà credo che una puntata di Mad Men batta da sola tutto AHS, ma questo è off topic 🙂
    Coven mi ha appassionata un sacco, mi sono trovata a fare il tifo per una, poi per un’altra, poi per un’altra, a gridare BALENCIAGA! come un’esaltata per vari giorni dopo l’ultima puntata, e ho apprezzato la morale finale, dopo tutte ste lotte tra donne “vipere” finalmente un po’ di sorellanza. E ci stava benissimo,

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.