Crea sito
READING

Piccole lezioni di ecologia: “La Città dei F...

Piccole lezioni di ecologia: “La Città dei Fiori” di Eveline Hasler e Stepan Zavrel


IMG_3241

C’è una piccola città che non ha niente di speciale, ma dove gli abitanti amano moltissimo i fiori, che crescono dappertutto. Un giorno il sindaco proibisce che vengano coltivati fiori e piante, che considera una perdita di tempo, e la città si intristisce, diventando grigia e noiosa. Seguendo una farfalla apparsa all’improvviso, una sera alcuni bambini scoprono il “cimitero dei sogni”, un giardino segreto dove gli impiegati comunali avevano trapiantato tutti i fiori e le piante, disubbidendo al sindaco che aveva ordinato loro di sradicarli e distruggerli. Lì crescono fiori meravigliosi e abitano farfalle coloratissime. I bambini decidono quindi di ribellarsi all’ordinanza del primo cittadino,e anche grazie ad un temporale fortuito che sparge i semi dei fiori sulla città, riescono a riportare i colori e l’allegria nella comunità.

IMG_3225
Questa è la trama di La città dei fiori (Bohem Press, 1987), scritto da Eveline Hasler e illustrato da Štěpán Zavřel. Hasler è una scrittrice svizzera per l’infanzia che ha pubblicato alcuni libri nella collana “Il Battello a Vapore” (ricordo la collezione di racconti Un sacco di nulla); Zavřel è un illustratore nato a Praga e trasferitosi in Italia, dove nel 1989 ha fondato la Scuola Internazionale di Illustrazione per l’Infanzia a Sàrmede, in cui si era stabilito nel 1968.

IMG_3230

La storia, indirizzata ai più piccoli, educa al rispetto dell’ambiente e all’importanza delle “piccole cose”. La meraviglia dei bambini quando scoprono il giardino è la stessa che il sindaco ha voluto bandire in nome della produttività, e questo è quel che vuol dirci il libro: non lasciare che il progresso e la crescita (sia economica che personale) ci rendano incapaci di stupirci e di vedere la bellezza in ciò che ci circonda, non sottovalutare l’importanza della natura e delle cose che ci rendono felici, non tacere di fronte a un’ingiustizia, anche se a commetterla è qualcuno di grande e potente.
Il messaggio, reso già chiaro dalla prosa di Hasler, è rafforzato ancor di più dalle splendide illustrazioni di Zavřel. I toni grigiastri e sbiaditi con cui ritrae la città non potrebbero contrastare di più con i meravigliosi colori delle farfalle e dei fiori, creando un impatto visivo tale da rimanere impresso anche ai lettori più piccoli, che non sanno ancora leggere e sfogliano il libro soffermandosi principalmente sui disegni.

IMG_3232

Di sicuro questa storia ha avuto un impatto fortissimo su di me. Trovai il libro fra una pila di riviste mentre, annoiatissima, aspettavo che la parrucchiera finisse di tagliare i capelli a mia madre. Avrò avuto al massimo sei anni, e naturalmente non pensai di mostrarle il libro. Continuai a pensare a quei vividi colori per molto tempo, e a un certo punto pensai di averli sognati, insieme alla noia e alla parrucchiera. Immaginate la mia sorpresa nel ritrovare, dopo circa dieci anni, quegli stessi colori e quella poesia fra le stanze di una mostra di illustrazione per l’infanzia. Poter finalmente “dare un nome” a quel libro e perdersi nei dettagli delle tavole originali è stato come aver ritrovato un ricordo, inaspettato ed emozionante.

IMG_3235


RELATED POST

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.