Crea sito
READING

Comportamenti appropriati: intervista a Desiree Ak...

Comportamenti appropriati: intervista a Desiree Akhavan

Desiree Akhavan in APPROPRIATE BEHAVIOUR

Non dite che non vi ho avvisati: forse adesso non avete mai sentito nominare Desiree Akhavan, ma tra sei mesi sarà la vostra persona preferita. Per quanto mi riguarda, lo è già diventata nei 7 minuti e 52 secondi che ho speso con lei durante il London Film Festival.

Nata e cresciuta a New York, Akhavan ha cominciato a farsi un nome qualche anno fa con la webseries The Slope, creata mentre studiava cinema e teatro alla Tisch School of the Arts della New York University.

Scritta insieme alla collega (e allora partner) Ingrid Jungermann, The Slope è una comedy ambientata a Brooklyn che segue la vita di una coppia lesbica stranamente superficiale e omofobica. Nel 2012, la serie le ha fatte finire nella lista dei 25 volti del cinema indipendente da tenere d’occhio stilata da Filmmaker Magazine.

Avanti veloce di un paio d’anni, il suo primo lungometraggio Appropriate Behavior la vede nei panni di regista, sceneggiatrice e attrice protagonista. Dopo essere stato accettato al Sundance Film Festival a inizio 2014, ha poi fatto il giro del mondo. La protagonista Shirin, che come Akhavan è di origine iraniana, fatica a conciliare la cultura dei suoi genitori con la sua vita a Brooklyn e la sua bisessualità.

A ventinove anni, ad ogni modo, ad Akhavan non importa più di avere un comportamento appropriato: “Non penso che sarò mai appropriata, e va bene così. Forse il messaggio del film è che non hai bisogno di essere appropriata”, spiega la regista, la cui più grande preoccupazione durante la sua premiere londinese era che i genitori della sua migliore amica erano in sala, e l’avrebbero vista nuda sul grande schermo.

Desiree Akhavan ha imparato a non ascoltare le opinioni degli altri a un’età invidiabile: quando a quattordici anni è stata eletta la persona più brutta della scuola (la famosa Horace Mann di New York) non si è fatta abbattere e ha utilizzato un soprannome poco grazioso come “la bestia” come uno sprone. Con il senno di poi, Akhavan suggerisce a chiunque si trovi in una situazione simile di non lasciare che qualcuno controlli la maniera in cui si comporta, nel bene e nel male. “Sei tu a determinarti, se pensi di essere una gnocca…”

In Appropriate Behavior, l’autodeterminazione della protagonista Shirin si basa in parte sulla sua capacità (o meno) di costruire, rompere e rimettere insieme relazioni. Il titolo di produzione dei film era molto diverso da quello finale: Disposable Lovers non si concentra tanto sul personaggio di Shirin, quanto sulle varie relazioni che ha dopo essersi lasciata con Maxine all’inizio del film.

“Una certa incarnazione del film sembrava implicare che [Shirin] continuasse a saltare [tra le sue relazioni] e buttarle via come rasoi, niente era duraturo. L’amore che aveva da relazione a relazione era usa-e-getta, anche se lei pensava che fosse permanente.”

APPROPRIATE BEHAVIOUR 1

Uno dei punti chiave del film è che le relazioni di Shirin sono sia con uomini che con donne; Akhavan ha dichiarato di trovare importante rappresentare la sua protagonista in questo modo per cercare di sfatare il tabù che circonda le persone bisessuali. “Penso che sia perché le persone trovano conforto negli estremi – che se esci con solo con uomini sei un tipo di persona, se esci solo con donne è abbastanza simile, anche se diverso.” A suo parere, non ci sono abbastanza persone che si dichiarino bisessuali e servirà che succeda molte volte perché il pregiudizio svanisca. “L’idea che tu possa stare con chiunque [ti fa percepire che] non ti puoi fidare di quella persona, che è bugiarda. La gente trova ipocrita che tu possa mollarli per il doppio delle persone – il che è ridicolo e stupido, ma è quello che percepisco.”

Ma veniamo alla ragione per cui l’anno prossimo sentirete parlare di Desiree Akhavan anche se non volete, oltre Appropriate Behavior, che almeno negli Stati Uniti verrà distribuito l’anno prossimo e diventerà il vostro film preferito appena riuscirete a metterci le mani sopra.

Tra i suoi prossimi progetti in fase di gestazione ci sono anche due film, entrambi ambientati negli Stati Uniti nonostante la sua produttrice e partner-in-crime Cecilia Frugiuele lavori a Londra (e sì, sia italiana: siamo dappertutto). In arrivo c’è anche un telefilm tutto suo, una comedy ambientata a New York “ancora all’inizio dello sviluppo, ma amo il mondo e amo l’idea.”

phpThumb_generated_thumbnail

Dopo che un numero incredibile di pezzi su di lei l’ha descritta come la nuova Lena Dunham (lei stessa compresa) Desiree ha attirato l’attenzione dell’originale ed è stata chiamata a far parte delle prossime puntate di Girls. Nella quarta stagione del telefilm, Akhavan interpreterà (SPOILERS!) una compagna di corso di Hannah al prestigioso Iowa Writers’ Workshop.

È la prima volta che Desiree recita davanti alla telecamera in un progetto non suo. “È così diverso. Quando è il tuo progetto sei tu la persona in sala montaggio, lo vedi ad ogni passaggio, hai il massimo controllo e potere” spiega, parlando del progetto che la vedrà sul piccolo schermo l’anno prossimo. “È molto più vulnerabile e pauroso essere nel progetto di qualcun altro. È la loro voce. Quando sei nello show di qualcun altro, sei lì per servire la loro visione senza saperne niente, devi procedere sperando che le tue scelte siano giuste.”

Se volete iniziare il conto alla rovescia, la nuova stagione di Girls inizia l’11 gennaio 2015. A meno che non abbiate già molti altri amici saggi (oltre alla sottoscritta) che vi hanno introdotti al lavoro di Desiree Akhavan, quello sarà il momento in cui finalmente potrò condividere la mia stima imperitura con tutti voi. Vi aspetto dall’altra parte.

 


RELATED POST

  1. STE

    16 novembre

    Appropriate behavior sarà al Florence Queer Festival il 26!!
    http://www.florencequeerfestival.it/film/appropriate-behavior/

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.