Crea sito
READING

Le ragazze di SR consigliano: un sacco di belle se...

Le ragazze di SR consigliano: un sacco di belle serie tv

The-IT-Crowd-the-it-crowd-24356450-859-1024The IT Crowd (2006- )
Il mondo è pieno di persone convinte che The Big Bang Theory sia l’apoteosi delle serie tv per nerd, ma quelle persone si sbagliano. Quella serie è The IT Crowd, e The Big Band Theory è poltiglia marcescente a confronto. Perché?
1. Stiamo parlando di una sitcom britannica nel solito pregevole formato delle 6 puntate a stagione, ognuna di 20 minuti (non morirete se deciderete di guardare una stagione al giorno, dunque).
2. Umorismo inglese.
3. Citazionismo violento per tutti i gusti (sì, di tanto in tanto ci sono anche le magliette dei Guided by Voices sul corpo di Chris O’Down, per Dio!).
Non so come altro dirlo: guardate questa serie e diffondete il Verbo. (Margherita Ferrari)

 

battlestar-photo2Battlestar Galactica (2004-2009)
Se volete dimenticare il vostro nome, lo scorrere del tempo, gli amici, il lavoro e qualsiasi altra cosa possa mai succedere lontano dallo schermo del vostro computer, questa è la serie che fa per voi. Son quattro stagioni, circa venti puntate l’una, più due film, una manciata di web episodes e un prequel che dura una stagione, più un prequel visionabile solo su Youtube.
Semplicemente una delle migliori serie di fantascienza che siano mai state scritte. Ci sono i robottoni, c’è la razza umana in via d’estinzione, c’è uno dei personaggi femminili più belli che la tv abbia mai visto, c’è una storia così densa e carica di pathos e intelligenza che, come ci insegna anche Portlandia, una volta iniziato sarà dura riuscire ad abbandonare lo schermo e fare altro. Per giorni. (Marta Magni)

 

veronica_marsVeronica Mars (2004-2007)
La maggior parte di voi dirà: ma tutti hanno visto Veronica Mars! Non è vero. Quando lo trasmettevano ossessivamente su Italia 1, io ero troppo impegnata a fare i compiti. Nonostante sia felice della mia riuscita accademica, mi sento una gnucca per averlo ripescato soltanto ora. Veronica Mars è una liceale troppo brillante per il suo bene; alle spalle di suo padre, un investigatore privato, va alla ricerca di indizi sull’omicidio della sua migliore amica e si caccia in altri guai. Sì, ci sono amori conflittuali a condire il tutto. Veronica Mars è una protagonista intelligente, succube di nessuno, che non nasconde il suo femminismo. Lo show è geniale, ricco di colpi di scena e personaggi memorabili. Dai che finite le tre stagioni in tempo per l’uscita del film. (Marta Corato)

 

fawlty-towers-2Fawlty Towers (1975-1979)
In via definitiva, Fawlty Towers.
Quasi ogni anno, durante le vacanze tiro fuori il dvd impolverato di Fawlty Tower e mi riguardo tutte le due serie d’un fiato e con gusto.
Sono stata iniziata a uno dei capisaldi della televisione british anni settanta durante un folle soggiorno a Worthing, nella cosiddetta geriatric coast of England, ormai sei anni fa. Ma John Cleese nel ruolo di un burbero gestore di una pensione nella provincia britannica non stufa mai. E l’incomparabile accento britannico è musica per le orecchie dopo le abbuffate degli americanissimi Dexter e Breaking Bad.
Esasperatamente caricaturale, con sole due serie, Falwty Towers è diventato prodotto di culto non solo per gli amanti del genere ma anche per quelli dei Monty Python e di un po’ tutto il filone di umorismo surreale molto, molto inglese.
Da non perdere è senza dubbio l’episiodio The Germans, in cui si dà fondo a stereotipi, politicamente scorretto e assurdo. (Caterina Ghobert)

 

rescapeLes Rescapés (2010- )
Les Rescapés è una serie canadese (québécoise) rilasciata nel 2010 e che si concentra sulla storia di una famiglia degli anni ’60 che viene improvvisamente (e senza apparente motivo) teletrasportata ai giorni nostri. Gérald e Monique Boivin si trovano quindi a dover gestire i tre figli, di cui due adolescenti con relativi ormoni in subbuglio, e il nonno anziano e abbastanza suonato (nonché adorabile) in una situazione totalmente nuova e incomprensibile. La serie è estremamente pregevole grazie a) agli attori (Roy Dupuis si conferma uno dei migliori attori québecois) b) al look che arriva dritto dritto dai Sixties e c) alla credibilità dell’intero show: a differenza di un qualsiasi prodotto hollywoodiano, in cui probabilmente i protagonisti si sarebbero adattati a meraviglia in un battibaleno alla situazione, i Boivin annaspano in maniera molto realistica nei problemi legati alla loro nuova quotidianità. Inoltre, la descrizione della vita nel nuovo millennio di questa famiglia abbastanza disfunzionale s’intreccia con i misteri legati al loro viaggio nel futuro, nonché con quelli legati ad una strana organizzazione che sembra avercela proprio con loro. L’unico lato negativo è l’accessibilità della serie ai soli francofoni: con il loro nazionalismo spinto, i québecois a quanto pare disdegnano di caricare in rete versioni in inglese. (Silvia Lanotte)

 

orphan-black-sarah-at-train-stationOrphan Black (2013- )
Telefilm rivelazione dell’anno, in una gara a cui partecipavano soltanto telefilm estivi (il mondo inizia a girare al contrario, pare). Testa a testa con Orange is the new black (che era partito meglio), lo ha poi superato perché non si è perso quanto quest’ultimo. Trama non particolarmente originale (si capisce quasi tutto dalla prima puntata), ma ben costruita e con un’attrice da paura. Ancora sci-fi, please. (Silvia Pilloni)

 

portlandia-we-can-pickle-thatPortlandia (2011- )
Il sogno degli anni ’90 è ancora vivo a Portland. La crisi non si è vista nemmeno da lontano e puoi ancora cercarti un lavoro provvisorio mentre tenti di sfondare come musicista o clown. Composto da una serie di sketch ogni tanto legati da un minimo comun denominatore, Portlandia si regge (veramente bene) sulle spalle di Carrie Brownstein (ex Sleater-Kinney, ora nelle Wild Flag) e Fred Armisen (già volto del Saturday Night Live), che sfornano 27 divertenti episodi da vedere e ri-vedere.
Graditi ospiti occasionali Steve Buscemi, Aubrey Plaza, Chloe Sevigny e Kyle MacLachlan (fra gli altri). (Marta Magni)

 

tumblr_miyc9fiFk51r9xvu6o1_1280Twin Peaks (1990-1991)
E’ la storica serie tv ideata da David Lynch e Mark Frost. Questo già dovrebbe bastare per convincere chi non l’avesse ancora vista a colmare le sue lacune in una lunga maratona estiva. Nel caso non foste ancora convinti posso dirvi che si tratta di uno degli esperimenti di commistione di generi più interessanti e stimolanti mai realizzati in un serial: thriller, parodia, invenzione immaginifica al limite del barocco. Potreste provare inquietudine e, poche sequenze dopo, una strana ilarità data dal forte straniamento causato da personaggi surreali. E poi in fondo…non volete sapere chi ha ucciso Laura Palmer? Consiglio altresì la visione del film Fuoco cammina con me legato alla serie, mentre sconsiglio la seconda stagione di Twin Peaks: decisamente sottotono (ma mi potete tranquillamente contraddire). (Caterina Bonetti)

 

6a0105351f2394970c0133f615973c970b-800wiSix Feet Under (2001-2005)
Fate come me e dedicate anche voi settimane e settimane della vostra vita alla visione ossessiva e malata di Six Feet Under, la meravigliosa serie della HBO nota anche come “quella sulla famiglia di becchini” e “quella in cui all’inizio di ogni puntata muore qualcuno”. Ora, a parte gli scherzi, Six Feet Under è più o meno la mia serie preferita di tutti i tempi. C’è tutto: la vita, la morte, l’amore, i casini familiari, il lavoro, le allucinazioni in cui tutti cantano e ballano e via dicendo. L’ultima stagione è forse la più bella di tutte (cosa molto rara, ne converrete) e l’ultima puntata è una delle cose più commoventi e strazianti che io abbia mai visto. Non vi dico altro per non spoilerarvi tutto, ma sappiate che uscirete diversi dalla visione di SFU e questa penso sia una buona cosa. (Margherita Ferrari)

 

2012831-doctor-whoDoctor Who (1963-1989; 2005- )
L’estate è la stagione giusta per recuperare tutte le vicende del leggendario dottore. Serie di punta della BBC, Doctor Who va in onda dagli anni ’60 e non ha ancora sfornato una puntata che sia banale. C’è il dottore, ci sono le sue varie assistenti, c’è tutto l’universo da esplorare a bordo del Tardis. Tutto lo spazio-tempo che si dispiega, guarnito di accento inglese, davanti ai vostri occhi.
Mettetevi comodi e prendetevi tutto il tempo necessario. Plus, ha una sigla veramente trascinante. (Marta Magni)

 

rodzina_borgiow_-_the_borgias_-_2011I Borgia (2011- )
A mio modesto parere questa serie è una delle migliori cose che Showtime ha sfornato da un bel po’ di tempo a questa parte. Incentrata sulla scandalosa famiglia dei Borgia (dalla quale Coppola si ispirò per Il Padrino, giusto per farvi capire che aria tira), disposta a tutto per ottenere e mantenere il potere, la serie mostra le vicende della famiglia come microcosmo e ritratto impietoso della società dell’epoca (ma, come tutte le storie ambientate nel passato, ci dice parecchio anche della condizione odierna), invitando gli spettatori a riflettere su cosa le persone siano disposte a fare per il denaro, il potere e la tutela dei propri privilegi. Tutto questo all’interno delle mura papali, dove Rodrigo Borgia architetta la costruzione del suo impero attraverso matrimoni combinati dei figli, minacce e promesse di cariche (vi ricorda qualcuno?). Se là fuori c’è davvero qualcuno come me che (ebbene sì) si addormenta guardando Game of Thrones, vi assicuro che questa è un’ottima alternativa. (Marta Conte)

 

Altre belle serie tv di cui abbiamo scritto:
Queer as Folk
Freaks and Geeks
My So-Called Life


RELATED POST

  1. rollingturtle

    9 agosto

    Uffa mannaggia l’internet ballerino si è mangiato il mio commento. Volevo sottolineare come i consigli seriali fossero splendidi (in particolare IT crowd, e in particolare la puntata col partitone di D&D!) ma anche piangere un po’ la chiusura dei Borgia che, per il cast e gli intrighi, poteva decollare in qualsiasi momento e invece mi sembra sia sempre rimasto un pochino sotto le aspettative generali. Ho preferito molto di più il passato lavoro sulla famiglia Tudor.

  2. lorenzo

    10 agosto

    A parte il fatto che vi adoro, aver citato Battlestar Galactica rende il mio animo nerd ancora piu` gaudente. Intanto grazie dei consigli.. e mi permetto di aggiungere, per chi apprezza il british humour, Black Books (http://en.wikipedia.org/wiki/Black_Books). Breve, spassosa, godibile benissimo d’estate.

    Saluti festosi da uno che ci si e` appena trasferito, in Inghilterra.

  3. PoisonApple

    3 gennaio

    .. Se posso dire la mia, vorrei aggiungere un meraviglioso, personale appunto a Doctor Who.
    L’alta qualità della serie stessa.
    DW è, penso, uno dei pochissimi prodotti destinato alla famiglia intera con elementi su diversi livelli per le varie età: dall’avventura più semplice per i bambini alle sottotrame fra i vari personaggi per i più adulti, compresi i messaggi simbolici su cui fa spesso riflettere.
    Inoltre, vogliamo parlare dei suoi companions? Anzi, per essere più precisi, delle suE companions.
    Eccezionali.
    Brillanti.
    DONNE.
    Donne vere, a mio avviso, femmine con le loro personalità e difetti.
    C’è Rose Tyler, una ragazza semplice e pure un po’ ignorante ma dal cuore buono e la voglia di cambiare.
    Marta Jones, forte e combattiva, che risolve come co-protagonista intelligente e tosta anche le vicende più spinose.
    Donna Noble.. Donna Noble. Una (normalmente considerata) sfigatona di trent’anni suonati che riesce a ritrovare la fiducia in se stessa e si rende conto di quanto in realtà valga così com’è.
    Sara Jane Smith, un personaggio presente nella serie originale che tra il ’73 ed il ’76 ha dimostrato come la figura femminile potesse essere arguta ed importante (svolgendo tra l’altro il mestiere della giornalista) e tornando, come ospite eccezionale, negli episodi nuovi.
    Il bello di queste donne è che te ne innamori senza che ti vengano presentate tramite i soliti mezzucci per attirare gli allupati (vedi nudità, banalizzazioni varie, ecc.).
    Insomma, consiglierò sempre per questo e tanti altri motivi la serie.
    Ho finito, giuro!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.