Crea sito

Le gioie dello sbattezzo

Il mio remoto passato mi vede fervente cattolica, dodicenne indignata dagli amici che frequentano l’oratorio solo come luogo d’aggregazione e non per partecipare come me al gruppo di esegesi biblica. Verso i quattordici anni, con l’ingresso al liceo, la conversione. E i seguenti cinque anni a pontificare (appunto) con compagni di scuola, famigliari, insegnanti di religione e perfetti sconosciuti sull’irrazionalità del loro credo, sulle conseguenze drammatiche delle loro decisioni politiche influenzate dalla Chiesa, sull’anti-umanesimo intrinseco nell’istituzione ecclesiastica, sui paradossi della religione in generale, e di quella cattolica apostolica romana in particolare, eccetera eccetera. Per approdare infine a una più serena posizione che definirei simile a quella del Padre Pizzarro di Guzzanti, quando dice che ci sono “infiniti universi paralleli! Dio può esistere non esistere, starcene quattro, sedici, tre giapponesi, co ‘a bbarba, senza bbarba, tutto superato!”. Non entrerò ora nei particolari delle mie convinzioni (se così le si può chiamare) teologiche; mi limiterò a dire che ho decisamente smesso di credere alla dottrina cattolica, ma che non mi interessa più convincere nessuno dell’insensatezza della sua fede (soprattutto non mi interessano più argomentazioni razionaliste come quelle di Hitchens o di Odifreddi). Penso che ciascuno sia libero di credere in ciò che vuole, e che se la religione per alcune persone è una spinta a comportarsi in modo più altruista, allora ben venga. Non nutro più particolare stima per la presunta “superiorità intellettuale” degli atei. Potrà sembrare snob o provocatoria come affermazione, ma preferisco persone con un senso morale al cinismo che a volte accompagna la presunta “intelligenza”. Mi limito ad arrabbiarmi per le ingerenze politiche e sociali del Vaticano in campi che non dovrebbero competergli. Il che avviene comunque spesso, intendiamoci, ma credo di aver perso buona parte del mio astio mangia-preti, e devo dire che ci ho guadagnato in salute e in rapporti interpersonali.
Per raggiungere una simile serenità zen non è servito soltanto iniziare a studiare filosofia, soprattutto è stato utile un gesto, che a tanti può sembrare esteriore, formale, inutile, ma che per me è stato fondamentale. Mi sono sbattezzata nel 2006, e per me è stato un gesto simbolico e politico molto forte, coerente con le scelte sempre ragionate e autonome (sì, compresa quella di fare parte del gruppo di esegesi biblica alle medie) che credo di aver fatto, se non “nella mia vita”, almeno in campo per così dire “spirituale”. Nel momento in cui ho smesso di credere mi è sembrato doveroso essere coerente con la mia decisione e uscire dalla comunità cattolica. A conferma del significato non banale del mio gesto, sono arrivate varie lettere della curia che mi consigliavano di parlare con un “consigliere spirituale” (cattolico, ovviamente), e le reazioni disperate della mia famiglia. Questo mi ha dato la misura di quanto, soprattutto per i cattolici, “l’esteriorità”, “il sigillo” siano una formalità necessaria, più dell’effettiva fede, più del comportarsi come cristiani nella propria vita quotidiana. Per me è stata una conferma del fatto che avevo fatto la scelta giusta. E nonostante le tragedie iniziali, so che anche la mia famiglia ha capito e rispettato la mia decisione. Senza spocchia e presunzione, vorrei poter dire che credo di aver fatto fare anche a loro un buon esercizio di democrazia e di tolleranza. Che, come dicevo prima, ha reso anche me meno incattivita e più rispettosa di scelte diverse dalle mie.
Questa è la mia esperienza personale. Non sto a spiegarvi come ci si sbattezza, trovate tutto nell’esaustivo sito dell’Unione degli atei e degli agnostici razionalisti.

Le immagini sono tratte dal fumetto “Quasi quasi mi sbattezzo” di Lise e Talami edito da Becco Giallo.


RELATED POST

  1. giulia

    28 febbraio

    come spesso accade, mi trovo molto d’accordo con elisa.
    pur avendo un background diverso e non cattolico, anche io ho attraversato la fase dell’anticlericalismo e razionalismo spinto, con annesso il citato sentimento di superiorità intellettuale. con lo studio dell’antropologia, l’allontamento dall’italia e la vita in un paese molto più laico del nostro, l’anticlericalismo si è placato, il razionalismo quasi sparito e quella presunta superiorità intellettuale si è sgretolata, sostituita dalla comprensione e l’accettazione di visioni differenti dalla mia. Non più arroganza, ma coerenza e rispetto. Coerenza che è quella che mi permette ancora di criticare il Vaticano o il Rabbinato di Gerusalemme o altre entità religiose per l’ingerenza nella politica e che mi fa sostenere lo sbattezzo come percorso di coerenza interiore nella vita di un non (più) credente.

  2. Simone b.

    1 marzo

    Condivido le premesse, non condivido però il passaggio allo sbattezzo che è un gesto personale. Non a caso è promosso dagli atei e agnostici razionalisti e non dai comprensivi atei e agnostici (che poi un agnostico non dovrebbe associarsi con gli atei secondo me).

    Personalmente pur accettando che altri si sbattezzino non lo farei mai per due motivi:
    -non ha senso prendersi indietro una presentazione davanti a Dio e ad una comunità
    -resta un marchio del mio passato e della mia formazione, non credo che avrei certe posizioni e certe idee senza il mio passato ed essere stato cattolico fa parte di questo.

    Riassumendo non credo che lo sbattezzo sia necessario per avere una posizione di rispetto interreligioso.

  3. Elisa Cuter

    1 marzo

    Non ho mai scritto che è necessario, ho scritto che lo è stato nella mia esperienza. In ogni caso sbattezzarsi è un gesto POLITICO, come ho scritto: lo si fa perché non si vuole più essere conteggiati, nemmeno statisticamente, tra le fila dei cattolici. Io non ci dormivo la notte, pensando di essere anche solo un po’ associabile a quelle robe là, quindi ho potuto riacquistare un punto di vista equilibrato nei loro confronti solo quando ho messo in chiaro che io non ci volevo più avere a che fare.

  4. Tom

    1 marzo

    gruppo di esegesi biblica???
    questa mi mancava, ad ogni modo continuo a sperare in una tua conversione all’ebraismo.

    firmato
    il Signore

  5. Simone b.

    4 marzo

    Non avevo visto la risposta.
    Sì sono d’accordo, infatti pure la mia era una considerazione personale forse ero sembrato troppo netto.

    Per la tua esperienza è stato necessario per la mia no. Nessun intento polemico, anche se gli atei e agnostici razionalisti non mi piacciono perché su certe cose mi sembrano fanatici tanto quanto i teisti. Non è il tuo caso, nè il caso dell’articolo che in buona parte condivido.

    [OT] forse è la calibrazione del mio monitor, ma sarebbe bello se i riquadri dove scrivere il nome fossero più in contrasto con lo sfondo [OT]

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.