Crea sito
READING

“Nemi” di Lise Myhre: bad girls wear b...

“Nemi” di Lise Myhre: bad girls wear black

La prima cosa che ho comprato su Amazon è stata il primo volume delle avventure di Nemi (e anche quello di Lenore, ma quella è un’altra storia). Nemi (in Italia edita da Elliot Ed.) è una striscia della norvegese Lise Myhre, così famosa in patria da raggiungere il secondo posto nella classifica dei fumettisti più letti.

Ma chi è Nemi Montoya? Nemi, la protagonista, è prima di tutto una goth. Ma non una di quelle ragazzine che, in piena crisi adolescenziale, si vestono di nero, assumono toni tragici e spasimano dietro a un cantante più o meno alternativo, tipo Jared Leto. No, Nemi è decisamente una goth dura e pura. Nemi, capelli neri e abiti neri, convive a Oslo con la sua migliore amica dai capelli azzurri, Cyan, e sogna un mondo in cui esistano i draghi, un lavoro lautamente remunerato da assaggiatrice di cioccolata (rigorosamente al latte marca Freja, mica una qualunque) e dove il matrimonio sia un’opzione solo se lo sposo è Legolas. E se alla cerimonia suona Alice Cooper, con spettacolo con testi rotolanti e serpenti annessi. Nemi è osteggiata nella realizzazione della sua vita ideale dalla vita reale, che si oppone con le sue armi più temibili: le tasse, Phil Collins, le amiche che le chiedono se è ancora single e/o le presentano i pargoli smoccolanti, le bionde supersexy che le lanciano occhiatacce, i programmi tv trash e i ragazzi ancora più trash che la abbordano ai pub, nonché una possibile cirrosi epatica, dovuta a una frequentazione troppo assidua dei suddetti pub.
cioccolato
Nemi è tosta ma qualche volta la vita reale lo è ancora di più: nascono così, a fianco alle geniali e ironiche strisce sulla quotidianità, strip con un tono più serio, malinconico, in cui si mostra come la ragazza, che pur appare così forte, si senta fortemente un outsider. Esprimendo senza remore la sua personalità, vestendosi di nero, ascoltando metal (e Tori Amos), rompe gli schemi: è se stessa ma è anche, ovviamente, osteggiata e vista come satanista, strana, diversa dalla maggior parte della gente. Ma più che essere giudicata dalla società, Nemi soffre la solitudine: anche la sua migliore amica Cyan ha volte non la capisce (nonostante sia molto brava a riconsolare una Nemi con i postumi post-sbornia). Man mano che la serie avanza, si scoprono altri particolari sulla sua vita e sulla sua infanzia, che sono decisivi per comprendere meglio Nemi da adulta (che è fondamentalmente un’eterna bambina). Con queste strisce, si riequilibra la componente “spaccona” di Nemi, dando anche molta più credibilità al personaggio.
never_alone
Oltre ad una protagonista unica, un’altra caratteristica del fumetto è la presenza costante di riferimenti musicali e iconografici alla cultura heavy metal: si spazia da Alice Cooper (co-protagonista di alcune strip, sotto forma di amico immaginario di Nemi) a i Sisters of Mercy, passando per i Dimmu Borgir, gli Slayer, i W.A.S.P. ecc. Nemi non si limita ad apprezzare la sua musica: cerca anche di diffonderla, nonché di distruggere (il più delle volte materialmente) i dischi dei cosiddetti “cantanti commerciali” (come Christina Aguilera o anche i Nightwish) che è obbligata a sentire al pub.
bad_omen
Infine, due parole sull’autrice, Lise Myhre. Nemi è un fumetto parzialmente autobiografico: la stessa protagonista sembra la trasposizione grafica della Myhre ed entrambe hanno una smodata passione per l’heavy metal (tanto che la fumettista è sposata con ICS Vortex, vocalist di diverse formazioni metal) nonché per la cultura goth. Tuttavia, come esplicitamente dichiarato dall’autrice, Nemi non è Lise. Nemi è più un personaggio ideale rappresentante ciò che la Myhre vorrebbe essere: audace, combattiva, cool, senza remore, indipendente, ribelle, forte. Ciò che tutte vorremmo essere.


RELATED POST

  1. Antonio

    30 aprile

    Bella Nemi!!!
    Conosci percaso la serie animata su YouTube? È tutta italiana e riprende i fumetti originali! 🙂

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.