Crea sito
READING

New Eau d’Bedroom Dancing (o: dell’ine...

New Eau d’Bedroom Dancing (o: dell’inesauribile pregio di Kathleen Hanna)

Queste sono settimane liete per chi non ha mai cessato di volere bene al defunto movimento riot grrrl e a chi ne ha preso parte. Dopo la pubblicazione del volume The Riot Grrrl Collection (edito da The Feminist Press), contenente riproduzioni di fanzine, poster e altre preziose amenità attualmente conservate presso quel luogo pressoché inaccessibile che è la sezione RG della Fables Library di New York, è stato il momento della diffusione del primo singolo estratto da Run Fast dei Julie Ruin (tale Oh Come On) in uscita a settembre su Dischord/TJR Records.

The Julie Ruin è l’attuale band di Kathleen Hanna, già figura chiave del movimento riot grrrl e voce delle Bikini Kill e de Le Tigre. Nel 1998 Kathleen aveva già utilizzato il nome Julie Ruin per il suo primo disco solista, che abbiamo amato in quanto ruvida ma al contempo ricercata esplorazione musicale post-Bikini Kill, in cui sono palpabili le tracce di quelli che sono poi diventati gli approdi electro del primo album de Le Tigre, uscito nel 1999.

121228-the-julie-ruin

In questi giorni il nostro pianeta ha avuto il piacere di ospitare la seconda performance pubblica dei Julie Ruin nella nuova formazione, per altro a fianco di Body/Head, l’attuale band di Kim Gordon.
Non ci resta che pregare per un tour europeo che possibilmente includa anche la nostra ridente penisola.

Articoli correlati:
Julie Ruin: a genie, rather than a genius (and she wears a scrunchie)
Dirty Girls, riot grrrls e la sindrome di Pollyanna
Letture femministe che non vi faranno voglia di prendervi a martellate le dita (o: vogliamoci bene imparando qualcosa di utile)
Il nastrone della settimana: Rebel Girls
More Than Just a Teen Magazine – Come Sassy ha (indirettamente) cambiato le nostre vite
Rock ‘n’ Roll Camp for Girls. How to Start a Band, Write Songs, Record an Album, and ROCK OUT!!


RELATED POST

  1. […] Le Julie Ruin sono un po’ entrambe le cose: saldamente ancorate al femminismo riot grrrl, ma attive nel 2013-14 con del materiale nuovo che è una pioggia di arcobaleni alle mie […]

  2. […] e mi sono rannicchiata a letto a guardare The Punk Singer, un ottimo documentario del 2013 su Kathleen Hanna. A circa trenta minuti dall’inizio del film, le varie testimoni parlano del primo pezzo di […]

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.