Crea sito

In the realms of the unreal

tumblr_mb8i4rqpdB1rvlkzco1_1280
Se avessi a disposizione una macchina del tempo, la sintonizzerei nel 1973, destinazione Chicago, nell’attimo esatto in cui i vicini di casa di Henry Darger aprirono le porte del suo appartamento e scoprirono i quindici volumi dattiloscritti, rilegati a mano e contenenti trentamila pagine di quel capolavoro che è il libro The Story of the Vivian Girls, in what is Known as the Realms of the Unreal, of the Glandeco-Angelinnian War Storm, Caused by the Child Slave Rebellion. L’opera di una vita. Una vita solitaria, un infanzia difficile, un internamento in manicomio e le ipotesi postume, che non trovarono riscontro e che congetturavano (tanto per demonizzare Henry lo strambo) sulla sua ipotetica pedofilia e sulla sua indole da serial killer. Darger dall’archivio smisurato di ritagli, Henry l’autodidatta, dalla tecnica semplice ma imponente. Darger l’outsider, l’uomo dal cuore nel lato sbagliato, dai vestiti logori ma puliti, Darger l’inquietante che dipingeva ragazzine nude che sfoggiavano genitali maschili, che un momento giocavano serenamente nei prati e l’attimo dopo venivano seviziate dai Glandeliniani. Darger che smaschera la società buonista obbligandola a prendere atto delle brutalità messe in atto troppo spesso contro i bambini, descrivendo un universo in bilico, popolato da bambine guerriere, a volte tenero e a volte terribilmente inquietante.  Henry che mi fa sgranare gli occhi e restare a bocca aperta.

In the realms of the unreal from softrevzine on 8tracks Radio.

Agnes Obel – Riverside
Moriarty – Private Lily
Serafina Steer – Night Before Mutiny
Dark Dark Dark – Daydreaming
Joanna Newsom – Cassiopeia
Ödland – The Queen of Hearts
Vashti Bunyan – Lily Pond
St Vincent – Black Rainbow
Arcade Fire – Rebellion (Lies)
First Aid Kit – Heavy Storm
My Bubba & Mi – Gone
Computer Magic – Victory Gin
Yann Tiersen – Childhood 2


RELATED POST

  1. Chiara B.

    10 giugno

    C’è un saggio, agile ma serio, che costruisce un intero capitolo sul paragone tra gli Idilli bucolici di Teocrito (III sec. a. C.)- quanto di più riconosciuto nel pantheon della letteratura classica – e the Story of the Vivian Girls. E’ così che ho conosciuto Darger; ritrovarlo qui mi ha fatto sorridere!

  2. Margherita

    10 giugno

    Mi hai rivelato un mondo nuovo. Grazie cara.

  3. Chiara

    10 giugno

    Come margherita. Grazie grazie grazie per avermi fatto conoscere Henry Darger.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.