Crea sito
READING

Dietro alla bocciatura del Defense of Marriage Act...

Dietro alla bocciatura del Defense of Marriage Act: la storia di Edie e Thea.

TheaSpyer -EdithWindsor-jpg

È di ieri l’ottima notizia della bocciatura del cosiddetto Defense of Marriage Act (DOMA), una legge federale statunitense che di fatto negava ai coniugi dello stesso genere il godimento di diversi diritti riconosciuti alle coppie eterosessuali.
Questa legge era in vigore dal 1996, quando fu approvata dal Congresso degli Stati Uniti e sottoscritta dall’allora Presidente Bill Clinton. All’origine dell’abrogazione di ieri fu il caso “United States vs. Windsord”, che ebbe per protagoniste Edith “Edie” Windsor e Thea Spyer.
Le due donne furono una coppia non legalmente riconosciuta per più di quarant’anni, riuscendo a sposarsi solo età avanzata in Ontario, Canada. Dopo la morte di Thea, il fisco tassò Edie per 363mila dollari, applicando il Defense of Marriage Act. Se infatti la coppia fosse stata eterosessuale, quel tipo di tassa non sarebbe stata prevista.

Windsor03Vista l’importanza della notizia di ieri, la storia di Edie e Thea ha acquisito un’importanza considerevole, se guardiamo al suo impatto sulla giurisdizione statunitense, oltre che sulle vite delle persone che erano direttamente danneggiate e discriminate dal DOMA.
Ma il suo valore non si ferma qui. Sulla loro relazione e sui lunghi anni che attesero prima di potersi finalmente sposare, è infatti stato girato un bel documentario, Edie & Thea: A Very Long Engagement, che risale al 2009.

Esso racconta, tramite interviste, immagini e filmati d’epoca, le vite private e pubbliche di due donne lesbiche dagli anni ’60 in poi, mettendo in relazione il contesto sociale e politico nel corso dei diversi decenni con le loro esperienze. Si tratta inoltre di un ottimo e commovente ritratto di una relazione segnata dalla malattia e dalla disabilità di una delle due coniugi, raccontate e rappresentate con un’onestà davvero rara.
Consigliatissimo.


RELATED POST

  1. Chiara

    27 giugno

    Non sapevo del documentario, quindi grazie per averlo segnalato. Lo diffonderò senz’altro.

  2. Valeria Righele

    27 giugno

    Quando ho letto di questa vicenda ieri mi sono davvero commossa. Consiglio anche l’articolo fotografico di buzzfeed ( http://www.buzzfeed.com/skarlan/edith-windsor-and-thea-spyers-great-american-love-story ), che ben riassume per punti quella che è stata la loro storia. Ora guardo il documentario 🙂

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.