Crea sito
READING

Ad ottobre le Frecce si tingono di rosa (e la mia ...

Ad ottobre le Frecce si tingono di rosa (e la mia bile di verde)

Mentre consulto il sito di Trenitalia alla disperata ricerca di coincidenze tra treni regionali per raggiungere la mia facoltà senza invecchiare troppo (ricerca diventata routine, così come il dover cambiare la simpatica impostazione che di default ricerca solo i treni più costosi), il mio occhio cade sulle solite promozioni a lato. Chiaramente le promozioni sono rivolte solo a chi viaggia sui treni più costosi, ma questa volta c’è qualcosa che mi spinge a cliccare. È l’immagine di un treno rosa, attorniato da sorridenti donne vestite di rosa, che dovrebbero impersonare i vari mestieri: casalinga, operaia, dottoressa, etc. La scritta spiega: scopri le iniziative rivolte alle donne.

frecciarosa

Non che avessi forti speranze, dato che conosco le “promozioni” di Trenitalia, però non si sa mai che per qualche grazia divina ci siano sconti per le donne. A parte che ovviamente di sconti non ce n’era traccia – povera illusa – la cosa mi ha fatto anche arrabbiare, e per un preciso motivo.

Comincerò col descrivervi questa “iniziativa” Trenitalia. È presentata come un evento a favore della prevenzione del tumore al seno, e fin qui tutto a posto. Ma in pratica? In pratica, sarà possibile avere, sui treni, un consulto da parte dei medici volontari di IncontraDonna, sui temi della salute femminile. Fantastico, dove, quando? Tra il 3 e il 31 ottobre (esclusi sabati e domeniche), sulle Frecce Milano-Roma e Roma-Milano, per 2 ore e 55 minuti al giorno. Nel salottino Business. Ah.

Però non è finita qui: ogni lunedì un fotografo professionista ti farà una foto, il martedì potrai farti dare un ritocco al tuo make-up e i giovedì una fashion blogger ti aspetta per consigli sulle tendenze del momento! Sempre nel salottino Business per tre ore al giorno sulle Frecce Milano-Roma e Roma-Milano. E per le titolari di CartaFRECCIA, sconti sul musical di Romeo e Giulietta a Roma e la possibilità di vincere weekend a Montecarlo e cofanetti di bellezza Marionnaud (che non ho idea di cosa voglia dire). Distribuiscono persino un giornaletto dedicato all’iniziativa.

un fumetto presente all'interno di suddetto giornaletto

un fumetto presente all’interno di suddetto giornaletto

Il target è chiarissimo: donne in carriera sui 40-50 anni, che evidentemente non hanno alcun bisogno di aiuto nella prevenzione del tumore al seno visto che avranno come minimo un ginecologo personale portatile vestito Armani.

frecciaOk, da cliente di Trenitalia me l’aspettavo di essere presa per il… ehm… naso per l’ennesima volta (e sì che come regalo mi basterebbe un posto a sedere sul regionale), ma quello che mi ha fatto arrabbiare è stato leggere in fondo:

Con il patrocinio del Ministero della Salute e del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con la collaborazione del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Scusa?

Spero vivamente che come comunità non abbiamo speso un soldo per pagare questa… questa… cosa, perché sennò è veramente una presa in giro. Ma anche se non abbiamo speso soldi, ci abbiamo messo la faccia, come Paese. Non vedo come possa essere d’interesse pubblico una circoscritta iniziativa pubblicitaria per un bene di lusso, evidentemente destinata a persone abbienti, per di più mascherata da lotta contro i tumori al seno.

E se è veramente pagata dalla comunità, e quindi anche da me, chiedo a gran voce anche un’altra iniziativa, su un tema di interesse veramente pubblico, che suggerisco di chiamare:

“A dicembre le Frecce si tingono di marrone: un’iniziativa per gli intestini pigri”


RELATED POST

  1. giulia

    14 ottobre

    No scusate, quindi un check-up a seno sul treno??!! è sicuramente il sogno di ogni donna, da sempre!! dio santo.

  2. Bianca Bonollo

    14 ottobre

    Se lo facessero davvero, sì, sarebbe bello :S

  3. mARIA

    14 ottobre

    e “l’occasione di parlare di diritti del lavoro, tutela e sicurezza per le donne”? se ne parlerà direttamente con la fashion blogger?

  4. Viola

    14 ottobre

    Al di là della buffonata di fare i controlli solo in area business, ma la faccenda delle fahion blogger e del trucco e parrucco? Come al solito l’importante non è non ammalarci, ma essere belle e ben vestite.

  5. Paolo1984

    14 ottobre

    trovo ingiusto farlo solo in business class, l’idea di unire cose serie ad altre più “frivole” ma comunque degne di rispetto (a essere belle/i e ben vestite/i non c’è niente di male, a prescindere dal fashion blog, tutti, chi più chi meno badiamo al nostro aspetto e non siamo schiavi/e per questo) può essere interessante ma andava allargata ad ogni classe sociale..chiunque è interessata a partecipare ne ha diritto

  6. Paolo1984

    14 ottobre

    che poi moda e make up (vista anche l’iniziativa spero non useranno prodotti cancerogeni) spesso sono interessi passioni degne quanto quelle per il calcio o le motociclette. La smetto

  7. Daniel

    14 ottobre

    Ora aspetto solo che Susan G. Komen for the Cure faccia causa a Trenitalia per aver usato il colore rosa. Tra parentesi, spargere la voce sulle discutibili pratiche del colosso della “beneficenza” che è Komen può essere una buona idea, ora che si stanno diffondendo anche in Europa. Il cancro e la ricerca sul cancro sono un problema serio.

  8. Skywalker

    14 ottobre

    L’ultima immagine (quella de “la mattina ho bisogno dei miei tempi”) allunga di un periodo il paragrafo sugli stereotipi di genere negli spot. Immagine mutuata da quella degli assorbenti dove le donne spalancano le braccia in segno di leggerezza. Bah

  9. mary

    14 ottobre

    Ma di che ci lamntate? Per noi poveracce ci sono i tagli alla sanita’

  10. Che strazio, non siete mai contente… A me sembra una bella iniziativa

  11. Bianca Bonollo

    17 ottobre

    @Chiara Elisa: è quello il punto… SEMBRA una bella iniziativa 😉

  12. stelladineve

    24 ottobre

    Condivido ogni parola, sono più o meno le stesse cose che ho pensato appena ho letto dell’iniziativa!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.