Crea sito
READING

True false, fake real: “A letto con Madonna&...

True false, fake real: “A letto con Madonna” e la sua splendida interpretazione nel ruolo di se stessa

Correva l’anno 1991. La Madonna che vediamo sullo schermo in A letto con Madonna è una ragazza di trentatré anni, che ha pubblicato quattro album (rispettivamente Madonna, Like a virgin, True blue e Like a prayer) e ne ha portato in tour tre (Like a virgin tour, Who’s that girl tour e Blonde ambition tour). Non è più una ragazzina che vuole avere disperatamente successo, e per ottenerlo salta dalla danza al canto al cinema, ma non è neanche ancora la donna che quando sale sul palco degli Mtv Music Awards del 2003 fa alzare in piedi una platea di cantanti supposti pari.
È apparsa al cinema diverse volte, pur con risultati piuttosto deludenti. L’unico film che le ha portato qualche commento positivo e che ha avuto degli incassi decenti è Cercasi Susan disperatamente (del 1985), e la critica, anche negli anni successivi, non si è lasciata sfuggire come l’interpretazione di Madonna fosse riuscita e credibile perché, in fondo, replicava se stessa. Susan è Madonna e Madonna è Susan, ma allora perché cambiare nome e indossare i panni di un alter ego? Perché non impiegare il tempo, l’impegno e la forza della pellicola a favore della carriera unica e onnicomprensiva a cui aveva dato inizio otto anni prima?

Ed eccola, dunque, Madonna davanti alle telecamere. Pronta a raccontarsi tra una tappa e l’altra del Blonde ambition tour con una sincerità che insiste nel mostrare anche la voce che non regge, la promiscuità che la spinge alle labbra di Antonio Banderas prima e tra le parole di Sandra Bernard poi, gli screzi familiari e perfino il lutto. Ma le debolezze, neanche a dirlo, sono solo apparenti, studiate. Madonna è frammentaria e frammentata, quasi schizofrenica, ma in ogni scena sembra quasi avere dei fili che la reggono e la tendono così da apparire esattamente come vuole essere vista. Anche quando è a seno nudo, anche quando mima una fellatio su una bottiglia. Sullo schermo Madonna è la madre, è l’amante, è dio. È il centro di un mondo che non ha il coraggio di metterla in discussione, perché è ciò che lo tiene assieme, che da un senso (e, non dimentichiamo, un lavoro, la fama o i soldi) ai ballerini che la denunceranno, al fratello che la criticherà nella sua biografia (Mia sorella Madonna), al padre che timidamente obbietta sui costumi di scena.

È quasi scontato affermare che Madonna costruisce il suo mito anche attraverso questo documentario (che, nel 2012, è quinto al mondo per incassi ricevuti), ma c’è qualcosa di più di questo. In lei non c’è separazione fra la persona e il personaggio, non esiste una maschera da indossare la mattina e lasciare sul comodino prima di andare a dormire. Madonna è creazione di se stessa, che si lascia plasmare con gratitudine. La bugia è veritiera e la verità è fasulla, la forma è sostanza e questo è l’unico motivo che ha impedito la caduta, la rottura dell’impalcatura, che la tiene in piedi anche a trent’anni di distanza dal primo singolo.

Ed essendo creatura e creatrice, Madonna deve fedeltà solo a se stessa. La determinazione, il carattere, il nervo della persona si impone con forza attraverso le immagini ed è quanto tiene incollati allo schermo, affascina e conquista.


RELATED POST

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.