Qualche giorno fa una delle nostre amate lettrici, Marta, ci ha inviato l’immagine sottostante.

Come potrete intuire, si tratta della schermata di output del sistema di controllo accessi della Biblioteca Comunale di Trento, presso la quale Marta stava tentando di visitare Soft Revolution.
Ora, qualcuno di voi potrà pensare che tale spregiudicato rifiuto non sia degno di un post dedicato. Se tale è la vostra opinione, vi invito allora ad strizzare gli occhi e leggere per bene quali sono le combinazioni di parole chiave che hanno causato il blocco.
Previdibilmente, il nostro continuo disquisire di pornografia e di donne risulta essere un problema. Anche la parola gay suscita perplessità nel sistema, forse perché esso teme che Soft Revolution sia un sito dedicato alla segnalazione di pornografia gay, e quindi poco consono alla sua consulazione presso un luogo pubblico quale è la Biblioteca Comunale di Trento.
Ma, come i falchi tra di voi avranno già intuito, a sconvolgerci non è tanto il fatto che il malefico algoritmo sia ostile a parole come fisting, merda, naked e bitch, quanto all’incomprensibile comparsa nell’output di cultura e cat. Cos’ha contro i gatti e la cultura? Cosa?!?

In risposta a tale inspiegabile limitazione, proponiamo una galleria fotografica di gatti e libri.