Crea sito
READING

L’inarrestabile revival dei vestiti anni nov...

L’inarrestabile revival dei vestiti anni novanta: il brutto che avanza

Ho sempre considerato gli anni ’90 come l’incarnazione del male assoluto. A livello estetico, intendo. Gli anni ’90 ci hanno regalato delle gran cose (vedi alla voce Smashing Pumpkins, il cartone animato della Bella e la bestia, Daria e il primo libro di David Sedaris), ma gli abiti targati anni ’90 sono per me, da sempre, l’epitome di qualcosa di brutto. Prendete una qualsiasi puntata di Friends targata anni ’90 e confrontatela con una qualsiasi puntata di Friends anni 2000. Non sembrano tutti più vecchi? Più stanchi? Più vestiti a caso? Quelle scarpe a punta non fanno istintivamente male ai piedi? Tutto quel lurex non fa tremendamente male agli occhi? Il taglio alla Rachel non fa tanto oh mio dio sono invecchiata tantissimo io ricordo la prima puntata di Friends?
Nel 1991 io avevo sei anni e mi vestivo (o meglio, mia madre mi vestiva) come ora vengono agghindati i manichini di H&M. Stampe fiorate? Presenti. Fouseaux con la staffa? Check. Giacca di jeans? Onnipresente. Salopette? Perché no? Salopette di jeans con stampa fiorata? Ho le prove. Quando nel 2009 è uscito questo articolo ho pensato ah, ah, non succederà mai. Non è possibile che vestiti così brutti tornino in auge, non è possibile che qualcuno voglia coscientemente emulare Brenda, Kelly e Donna Martin. E invece.

Vi prego ora di andare da H&M un giorno qualsiasi o prendere una boccata d’aria a Milano la notte. È successo, è successo eccome. Improvvisamente vestirsi come Steve Urkel di Otto sotto un tetto è diventato motivo d’orgoglio. Prima il banchetto di vestiti usati tutto a due euro in sul bancone era tutto un tripudio di camicie di jeans a due euro. (True story, ne ho comprata una. Costava due euro!) Ora le stesse camicie giacciono ordinatamente appese, lavate e stirate dove riposano i vestiti usati che costano troppo.

Improvvisamente i gloriosi anni ’80 sono stati accantonati ed è stato tutto un tripudio di stampe improbabili, jeans su jeans su jeans e colori fluo, scarpe a punta e cattivo gusto a colazione. Non che gli anni ’80 fossero meno trash o chiassosi o imbarazzanti. Ma gli anni ’90 sono gli anni ’80 più brutti. E senza capelli cotonati. E il revival degli abiti brutti anni ’90 ha portato il revival della musica brutta anni ’90 e ciò è il male assoluto (nonché un tasto assai doloroso che non sono in grado di toccare). The summer is magic, la la la la.
Le buffalo, il bomber, i calzini di spugna bianchi, i collarini di plastica finto tatuaggio tribale: pensateci su. Non stavate sognando, stavate solo camminando per strada nell’anno 2012 in preda al delirio da revival anni ’90.
Non so se sia colpa loro (e credo di no, ma un capro espiatorio, come ci insegna Pennac, è sempre utile) ma i Crystal Castles hanno un brano intitolato 1991. Molta gente, ai concerti dei Cystal Castles, si veste fingendo di vivere nel 1991 (nonostante è probabile che siano nati tre o quattro anni dopo). Per la grande legge del sillogismo, se gli anni novanta sono tornati di moda è anche colpa dei Crystal Castles. Eccetera eccetera.
Facciamo qualcosa, fermiamo questa epidemia. Prima della prossima reunion delle Spice Girls, prima che sia troppo tardi. Prima che ci sia la reunion di Dawson’s Creek diventi realtà. Aidontuannawaaait

(la seconda e la terza immagine sono tratte dal catalogo estate 2012 di Urban Outfitters)


RELATED POST

  1. Marsy

    27 giugno

    Ciao Marta,
    non sono mai stata così felice di poter scrivere che le SPICE si sono riunite.
    Ti prendiamo un biglietto per il VIVA FOREVER musical?

  2. Bianca

    27 giugno

    Cara Marta,
    leggi qua: http://www.gossippando.it/2012/06/26/le-spice-girls-di-nuovo-insieme-per-lanciare-il-musical-viva-forever/#more-131005
    E, tra parentesi, The summer is magic è una canzone meravigliosa, quasi quanto The rhythm of the night.

  3. Chiara Puntil

    27 giugno

    “Quelle scarpe a punta non fanno istintivamente male ai piedi?”- applausi!! le scarpe a punta sono IL male, terrificanti!
    per la cronaca, ho visto ieri sulla BBC che uscirà un musical basato sulle canzoni delle Spice Girls (non scherzo!). E’ il caso di preoccuparsi?

  4. Marta

    27 giugno

    Per le Spice che si son riunite posso anche provare un flebile moto di simpatia, the summer is magic è invece un incubo ricorrente…

  5. Mameli

    27 giugno

    DISSENTO!!!!

  6. usadifranci

    27 giugno

    il mio armadio grida la mia colpevolezza.
    è inutile nascondersi.

    ma non tutto assieme.

    io comunque ti aspetto al varco 😉

  7. Marta Conte

    27 giugno

    Dio benedica qVesto post e perdoni tutti i nostalgici dei teribbili ’90.

  8. MaliaErrante

    30 giugno

    E a proposito di revival anche di Dawson’s Creek, questo è datato 12 giugno 2012.
    Non c’è scampo.
    http://serialminds.altervista.org/2012/06/12/serial-minds-in-trasferta-destinazione-dawsons-creek/

  9. Simone B.

    1 luglio

    Vita alta FTW

  10. elisa

    1 luglio

    Ma state parlando di Summer is magic? Perché allora fa così: the summer is magis, is magic, oh oh. http://www.youtube.com/watch?v=-4tl-pzfY-Q Se no è the summer is crazy, quella con la la la la http://www.youtube.com/watch?v=3xApT1Pmptw
    Cerchiamo di essere almeno filologicamente corretti, se proprio vogliamo sputare nel piatto in cui abbiamo mangiato. Dovremmo ringraziare, invece, di poter recuperare quelle t-shirt batik che pensavamo non avrebbero mai più visto la luce del sole dopo il 1999, invece di spendere un sacco di soldi per comprare vestiti nuovi (tipo le t-shirt batik di urban outfitters a 47,50 euro)! E comunque, the rythm of the night è qualcosa di meraviglioso, e qui giuro che non prendo alcun tipo di distanza ironica dall’affermazione.

  11. Marsy

    4 luglio

    Ciao Elisa, cosa fai stasera?
    Sento che abbiamo qualcosa in comune.

  12. Anni 90

    4 settembre

    Gli anni ’90 hanno rappresentato la massima esaltazione del casual “normale”, mentre gli ’80 erano l’esaltazione del casual “estremo”…i risultati sono effettivamente sotto gli occhi di tutti.

  13. mariantonietta

    17 settembre

    per quanto devo agli anni novanta il fatto di avermi dato i natali,ho giurato a me stessa che non avrei mai e dico mai più rimesso delle fornarina con le zeppe!

  14. Nostalgica

    20 dicembre

    A me invece gli anni 80 e 90 piacciono un sacco e quello che mi fa orrore è la moda attuale! Difatti non compero più nulla o quasi da vestire!
    Stampe floreali? Erano bellissime! E cmq le scarpe a punta guarda che sono del 2000 non degli anni 90! -.-

  15. Luca

    25 dicembre

    Sono completamente d’accordo con Nostalgica…la moda di adesso è solo una schifezza e gli anni 80 e 90 davano vita a tutto il nuovo che non c’era…oramai di nuovo non fanno più nulla, e quest0 vale per tutti i campi, dalla tv alla musica, dal cinema alla “moda”.

  16. […] inverosimile”. Fra torte alla farina di mais, artisti concettuali e vestiti veramente troppo anni ’90 per il loro stesso bene apparve anche Lesbian Nuns: Breaking Silence, ma sicché il contesto era piuttosto fantascientifico […]

  17. Stufola

    23 dicembre

    Se sei così colta da parlare di “sillogismo”, dovresti sapere che in italiano non si dice “nonostante è”, ma “nonostante sia”. Le solite velleità pseudo-letterarie di chi litiga con la sintassi…

  18. mara

    6 gennaio

    orrendi gli anni ’90, non li ho mai sopportati, non mi piacevano allora non mi piacciono adesso in versione bimbaminkia californiana che si crede grunge perchè ha gli shorts 501 strappati e i capelli sporchi

  19. mara

    6 gennaio

    80 e 90 sono due cose completamente diverse, negli anni Ottanta c’erano cose carine e femminili, nei 90 era tutto osceno senza appello, dalla moda boscaiolo a quella androgina finendo con le tamarrate più tamarre del mondo, che orrore

  20. Marta

    10 febbraio

    Il fatto che io sia (o meno) colta non esclude, ahimé, la possibilità di commettere errori.
    Perciò grazie per la tua preziosa segnalazione ed il tuo gentile commento.

  21. […] quanto figlia degli anni ’90 subisco da sempre il fascino degli abiti dai tessuti colorati e con stampe bizzarre. Riesco ancora […]

  22. pam

    19 agosto

    Ciao io ero una ventenne proprio negli anni ’90 e sono particolarmente appassionata di questa decade in particolare le mode alternative, mi sono vestita grunge, rap, metal, new age e Gothic (che ai tempi si chiamava Dark) con tanto di capelli celesti e croci egizie. Ti posso dire che questo revival odierno non mi piace granchè, lo trovo assolutamente finto e modaiolo…sarà che parlo da vecchia 🙂 ma a parte le vetrine di H&M e le “bimbaminkia californiane” agghindate stile courtney love, come ha suggerito qualcuno sopra, mi sembra che manchi tutto il substrato culturale e sociale che invece c’era all’epoca…nel senso che questo revival è giustappunto una rievocazione storico-stilistica e nulla più, anche i gruppi musicali che si ispirano agli anni ’90 sembra che comunichino questo….oppure mi sono persa qualcosa? novità culturali dal mondo giovanile che si collegano al ritorno dello stile ce ne sono?

  23. MANUEL

    9 aprile

    Scarpe a punta negli anni Novanta? Ma da quando?! Le scarpe anni Novanta erano praticamente delle semi-sfere!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.